LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - BIENTINA Case popolari pagate con le lottizzazioni private
GIULIA MARTELLONI
SABATO, 25 SETTEMBRE 2010 Pagina 9 - Empoli IL TIRRENO




BIENTINA. «Il Regolamento urbanistico è come un quadro: non deve uscire dalla propria cornice» queste sono le parole del sindaco di Bientina, Corrado Guidi, per illustrare una norma, applicata da un numero ridotto di Comuni, riguardante il metodo di assegnazione di “case popolari”. A mettere in evidenza questo argomento è una lettera del 14 settembre scorso, pubblicata sul sito ufficiale del Comune di Bientina, in particolare, nella sezione dedicata all’informazione, in cui è possibile mettersi in contatto diretto con il sindaco. Prima di poter analizzare e capire da vicino tale norma, spiega Corrado Guidi, è necessario soffermarsi sull’origine: come da prassi il Regolamento è preceduto da un Piano strutturale (contenente le indicazioni sul possibile utilizzo o tutela delle porzioni del territorio a cui si riferisce) che va a conferire strumenti di applicazione allo stesso Regolamento. Quest’ultimo è stato per la prima volta reso pubblico attraverso la presentazione di linee guida durante alcuni incontri effettuati nel settembre 2008, che hanno permesso la valutazione integrata del R.U.
Ma la domanda che il sindaco si è posto è stata, perché il Comune deve espropriare aree per costruire “case popolari”? La risposta è nata proprio durante questi incontri: la legge 167 stabiliva la possibilità dei comuni di inserire delle aree nel R.U. (precedentemente chiamato Piano regolatore) destinate all’edilizia economica e popolare. Quando la destinazione è pubblica o di interesse pubblico, le aree interessate sono soggette a esproprio, ovvero, attraverso una delibera di giunta, il Comune priva dell’area il proprietario, risarcendolo economicamente. Il sindaco si era posto una visione più ampia: gli ingenti oneri investiti nel sociale non erano abbastanza; dovevano essere affiancati da qualcosa di più tangibile come, ad esempio, la costruzione di case popolari senza ricorrere all’esproprio. È su questo contesto che la norma ha cominciato ad avere una sostanza: per le grandi aree con piano di lottizzazione a intervento indiretto (non urbanizzate, su cui è necessario creare interventi di urbanizzazione prima di edificare), è stata prevista la disponibilità di una parte di tale territorio per l’edificazione pubblica (case popolari); in breve, l’idea era di donare al Comune un’area e lasciare dei volumi per alloggi sociali (sui 60.000 metri cubi, corrispondenti a 200 alloggi, si deve individuare un’area da cedere che corrisponda a 20 alloggi). Attraverso l’applicazione di questa norma 5 alloggi sono stati destinati ai più indigenti. Ma Bientina ha bisogno di “case popolari”? Ultimo punto, evidenziato dal sindaco, ha reso protagonista il bando 2006/2007 per l’assegnazione di “case popolari” che mostra una graduatoria di 43 cittadini in attesa, di cui, i primi 22, giudicati con grado superiore di emergenza. Grazie alla norma è previsto, per i prossimi 2 anni, l’assegnazione di 12 alloggi e inoltre altre 5 abitazioni procurate attraverso la ristrutturazione delle Acli, associazione cristiana lavoratori, in modo da coprire un numero di 22 richieste in graduatoria. «Un piccolo limite per la realizzazione di un grande progetto».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news