LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA Da oggi a Favignana ex stabilimento Florio. Esposti il rostro e l'elmo
LA SICILIA Sabato 25 Settembre 2010 Trapani, pagina 47




Favignana. In occasione delle «Giornate Europee del Patrimonio», in programma oggi e domani, l'ex Stabilimento Florio di Favignana torna all'attenzione.
Infatti l'assessorato Regionale e la soprintendenza per i Beni Culturali presentano al pubblico due importanti reperti archeologici che sono stati ritrovati nel mare delle isole Egadi. Si tratta del rostro in bronzo recuperato qualche settimana fa e di un elmo bronzeo probabilmente appartenuto ad un milite romano. Entrambi i reperti sono stati rinvenuti tra le acque a Nord Ovest di Levanzo e sono riconducibili alla battaglia delle Egadi vinta dai Romani il 10 marzo 241 a.C.
«Il rostro bronzeo recuperato nel corso delle ultime campagne di ricerca condotte grazie alla collaborazione tra la RPM Nautical Foundation e la soprintendenza del Mare della Regione, diretta da Sebastiano Tusa con il coordinamento tecnico-scientifico di Jeff Royal e Stefano Zangara - ha spiegato Tusa - conferma definitivamente che la battaglia delle Egadi combattuta il 10 marzo del 241 a. C. avvenne a qualche miglio a nord-ovest di Levanzo».
Il rostro si presenta in perfette condizioni essendo stato trovato adagiato in posizione laterale e semisepolto su un fondale sabbioso a circa 80 m di profondità. «Il recupero è stato effettuato tramite Rov utilizzando le più moderne metodologie e tecniche della moderna ricerca archeologica subacquea».
Si tratta del terzo rostro trovato nella zona: il primo era stato recuperato a Trapani grazie ad un'azione investigativa coordinata della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma nel 2004 dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale. Il secondo è stato recuperato nella medesima area ove è stato rinvenuto il terzo nel corso delle ricerche condotte dallo stesso gruppo di ricerca. E' più piccolo ed in cattive condizioni poiché visibilmente alterato dai colpi subiti nel corso del combattimento.
«Il terzo rostro recuperato - spiega Tusa - è formato da un pezzo unitariamente fuso in bronzo che si andava ad inserire, coprendola, sull'intersezione delle porzioni terminali in legno del dritto di prua, della chiglia e delle cinte laterali. Era agganciato alla parte lignea dello scafo mediante numerosi chiodi di cui si trova ancora traccia sul suo bordo. Se tutta la struttura del rostro era laminare e costituiva una sorta di fodera alle parti lignee dello scafo diversa era la porzione antistante per la sua possanza e robustezza. Essa è, infatti costituita da un possente fendente verticale rafforzato da ben tre fendenti laminari orizzontali. Questa era lo strumento micidiale che veniva scagliato con forza sulle fiancate delle navi nemiche per determinarne il rapido affondamento grazie alle falle che generava».
Tusa ha spiegato anche che «l'arcuatura della porzione superiore è stata interpretata nella descrizione dell'unico rostro adeguatamente studiato ed edito finora : quello di Athlit, come funzionale ad agevolare lo sganciamento della nave attaccante dopo lo scontro con la nave colpita».
I tre rostri risalenti quindi alla battaglia delle Egadi possiedono confronti con un altro scoperto dalla soprintendenza del Mare presso Capo Rasocolmo (Messina) molto simile a quello scoperto nel 1980 nella acque di Athlit (a Sud di Haifa). «Quest'ultimo, di fattura probabilmente cipriota, presenta segni simbolici, tra cui l'aquila, che permettono di riferirlo ai re egiziani della dinastia ellenistica dei Tolemaidi. Pertanto il rostro di Athlit è stato datato alla prima metà del II sec. a.C.»
«La grande fortuna e l'importanza del rostro a tridente nell'antichità greco-romana - ha concluso Tusa - ci è ulteriormente rappresentata dalla rilevanza che questo oggetto ebbe nell'aspetto cerimoniale connesso alla celebrazione dei fasti bellici. Era uso corrente ornare di rostri le colonne celebrative e porle nei luoghi più rilevanti delle antiche città».
r. t.


25/09/2010



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news