LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA Il Castelluccio chiuso da tre anni
LA SICILIA Martedì 21 Settembre 2010 Gela, pagina 35

i monumenti abbandonati. «Non sarà facile trovare i fondi per ricostruire quel che è stato danneggiato»


Nella purtroppo lunga lista dei monumenti italiani che prima vengono restaurati e poi abbandonati, c'è un monumento gelese, il castello svevo del Castelluccio che sorge su una collina di gesso lungo la statale che collega Gela a Catania. Chi acquista il biglietto unico per visitare i siti archeologici gelesi, oltre che il museo, l'acropoli e le mura di Caposoprano, può anche visitare il Castelluccio. Solo in teoria, di fatto non è così. Il Castelluccio è chiuso da oltre tre anni. Prima mancavano i custodi, poi sarebbe stato invaso da pericolose zecche. Fatto sta che, chiuso ed abbandonato al suo destino, il monumento è diventato regno dei vandali.
Chiunque in questi anni ha avuto libero accesso al castello e ne ha fatto scempio. Oggi l'esterno è un tripudio di sterpaglie ed all'interno non si è salvato nulla: vetri rotti, sedie e arredi ridotti ai minimi termini, servizi igienici inesistenti. Chi non sa nulla delle condizioni del Castelluccio e, fidandosi delle guide turistiche, arriva fino in alto per visitare uno dei castelli della Sicilia, viene accolto con un significativo biglietto da visita: alle spalle del Castelluccio c'è una discarica abusiva, un gran bazar all'aperto di roba inutilizzata. In genere nelle aree archeologiche più note vi sono le bancarelle di souvenir, qui invece la discarica abusiva. Se poi il turista, tappandosi occhi e naso, riesce a raggiungere il castello lo troverà deserto e distrutto. Tanta fatica per nulla. E dire che con la strada dei due Castelli , quel monumento potrebbe ricevere una maggiore valorizzazione. Ma qui ciò che si costruisce l'indomani viene distrutto ed abbandonato. Avrà un futuro il Castelluccio? Il neo direttore del parco archeologico di Gela arch. Salvatore Gueli non conosce ancora lo stato in cui versa il monumento. Fino a qualche settimana fa era di competenza della Soprintendenza, ora invece rientra nel parco di Gela ma il passaggio di consegne deve ancora avvenire.
"Non appena lo riceverò in consegna - dice il direttore del parco - verificherò la situazione. Certo non sarà facile trovare i fondi ricostruire ciò che è stato danneggiato ma metteremo tutto l'impegno per salvaguardarlo e ricostruire". Trovare i fondi non è facile in un momento di crisi, con il museo che non ha un euro da poter spendere e l'area archeologica dell'Acropoli è stata finalmente pulita. Nella storia di Gela resta il neo di un monumento restaurato e distrutto, un anello di positività spezzato. Colpa dei vandali ma non solo.
M.C.G.


21/09/2010



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news