LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA- LUCCA. Stadio, sì al recupero ma nel rispetto della normativa
DOMENICA, 26 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Lucca

Angelini, leader di Governare Lucca: «Va ridotta la parte per i negozi, parcheggio più ampio»



Governare Lucca è favorevole alla ristrutturazione dello stadio Porta Elisa nel rispetto delle regole di legalità e delle esigenze della città. Parole del leader, Piero Angelini. Che accusa la giunta di essere inconcludente e in particolare il sindaco Mauro Favilla di non aver parlato a Giuliani e Valentini con la necessaria chiarezza né di procedere con la dovuta speditezza: «Lo stadio si inserisce tra i propblmei dell’urbanistica, su cui il Comune è impantanato da oltre 2 anni».
Il movimento politico, che a Palazzo Santini siede sui banchi dell’opposizione, fa una proposta come contributo alle scelte del consiglio comunale.
Il progetto dello stadio deve andare avanti, ma senza polemiche e strappi e deve convincere la maggior parte della cittadinanza. «Non solo i tifosi - dice Angelini -, che spesso, per troppa passione, sbagliano, come è accaduto nel caso di Fouzi Hadj. È necessario, comunque, approvare prima la modifica complessiva del Regolamento urbanistico, che deve fare la scelta, nella fascia tra la stazione ferroviaria e Campo di Marte, di volumi tendenzialmente a zero per commerciale e direzionale.
«Nel caso, poi, dello stadio, si può per lo meno ridimensionare drasticamente il commerciale-direzionale e aumentare, invece, in modo consistente, nell’interesse della città, la superficie dedicata ai parcheggi».
Quanto alla gestione, bisogna partire - sostiene Governare Lucca - dalla considerazione che l’amministrazione ha la proprietà di un bene, come lo stadio Porta Elisa, che, per posizione e struttura, ha un suo indiscutibile, grande valore.
Angelini: «L’amministrazione avrebbe dovuto da tempo effettuare una stima del bene di sua proprietà. Se ne è ben guardata, per essere, così, totalmente libera di disporne».
Governare Lucca ritiene che (ferma restando l’esigenza di una stima più approfondita) la superficie dell’area dello stadio, di mq 48.763, non possa valere meno del prezzo stracciato di 1.000 euro al mq, in totale 48.763.000 euro. Pensa, inoltre, che la ristrutturazione proposta dal masterplan potrebbe realizzarsi (secondo stime approssimative, ma non distanti da quelle reali) con meno di 40.000.000 di euro.
«Ci sarebbero, a nostro avviso, sulla base dei dati esposti, le condizioni economiche-finanziarie per dar vita ad una società mista, a prevalente capitale pubblico, a gestione privata (come da statuto Polis), che destinasse, in primo luogo alla Lucchese, in una qualche misura anche agli sport minori, una quota consistente di utili - dice Angelini -. Ad esempio, in una prima fase, per la Lucchese, un milione e mezzo all’anno, da modulare di anno in anno. Società che redistribuisse il resto a remunerazione del capitale pubblico e privato».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news