LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - "Va cambiato il sistema dei contributi l´idea della Regione mi pare efficace"
BRUNELLA TORRESIN
DOMENICA, 26 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Bologna



Michele Trimarchi, docente di Economia della cultura: è un modello del passato



Come salvare il Duse è una domanda sbagliata: ci si deve chiedere che teatro ci serve e investire di conseguenza

Che motivo ha oggi lo Stato di finanziare la cultura quando essa raggiunge solo il 20 per cento dei cittadini?



Professor Trimarchi che futuro ha la cultura a Bologna?
«Non voglio puntare il dito contro nessuno, ma continua ad agire una forma di ancoraggio ideologico al passato. Il sistema va riformato, a mio parere finanziando non l´attività culturale in sé, ma l´impatto che produce: l´aumento di pubblico, la prima assoluta, il risvolto occupazionale. Oppure spostando l´investimento sulle infrastrutture, creando un capitale che duri nel lungo periodo. Questo la Regione Emilia-Romagna lo fa. Non si tratta di togliere, ma di dare meglio. In Italia, ad esempio, non ci sono teatri con doppio palcoscenico: significa raddoppiare le giornate di lavoro».
È il problema del Teatro Comunale, il costo del lavoro.
«Il Comunale soffre di una crisi condivisa da tutte le fondazioni liriche italiane. Ma la Scuola dell´Opera è un esperimento molto interessante perché integra le professionalità del teatro. Il problema è che si grida sempre all´arrivo dei barbari. Invece arriva il nuovo, ed è più interessante del vecchio. Un aspetto comune alle imprese culturali è il numero di contratti a tempo indeterminato: sono una trappola. In generale in Italia si soffre di un eccesso di personale. Il che non significa che si debba licenziare, ma produrre di più. Dovremmo negoziare una flessibilità condivisibile. Siamo certi che un museo non possa condividere personale con altre strutture? È solo un esempio».
Non siamo preparati al nuovo?
«No, non siamo preparati a porre le domande nuove. Come salviamo il Duse? è una domanda sbagliata. La domanda corretta è: che teatro ci serve? e di conseguenza investire. Il commissario Cancellieri ha tutto il diritto di riflettere ancora, ma deve farlo a partire da domande corrette».
La crisi è accelerata dalla difficoltà delle Fondazioni bancarie.
«È l´effetto dell´assunto ideologico secondo il quale lo Stato deve finanziare la cultura e se non ce la fa, il dovere passa ad un altro. Ma che motivo ha lo Stato di finanziare la cultura oggi, quando essa raggiunge il 20 per cento dei cittadini e non si fa nulla per comunicarla e diffonderla?»
La Regione suggerisce di ricorrere a una tassa di scopo.
«Ne penso tutto il bene possibile e la propongo da anni come una delle vie efficaci per creare un po´ di circolo virtuoso nella sopravvivenza finanziaria della cultura».
Si smantellano i teatri, i musei. Ma non si rischia che sopravvivano solo contenuti commerciali, televisivi?
«Se inforchiamo gli occhiali, vedremo una miriade di iniziative culturali che non godono di finanziamenti pubblici, promosse da imprenditori che non hanno contratti a tempo indeterminato, ma producono. Ne conosco decine, a Bologna. È un momento fertile a saperlo interpretare».
Lei crede che sia possibile un innesto tra il vecchio modello culturale e queste nuove forme di produzione?
«C´è una generazione di trenta-quarantenni che va valorizzata. Si tratta di trovare un linguaggio comune. Non si tratta di eliminare nessuno ma di integrare. L´unica cosa da eliminare è la paura».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news