LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CASCIANA TERME. Finito il restauro finanziato dalla Cassa di Risparmio di Pisa
GIACOMO PELFER
LUNEDÌ, 27 SETTEMBRE 2010 IL TIRRENO - Pontedera



Nuova vita per tre tele, una pala e una tavola nelle chiese di Casciana Terme e Sant’Ermo

L’arte torna a splendere

Cinque opere d’arte tornano a splendere dopo un restauro durato sei mesi. Cinque gioielli, restituiti in tutta la loro originaria bellezza alle chiese parrocchiali di Casciana Terme e Sant’Ermo. Il tutto grazie al contributo determinante della Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa, che ha sostenuto il 95% delle spese.
A darne notizia è don Bruno Meini, responsabile diocesano dell’Ufficio beni culturali: «Il restauro - spiega - ha interessato due opere della chiesa di Casciana, una pala e una tavola, più tre tele della chiesa di Sant’Ermo. Fino ad oggi, di fatto, era come se non fossero visibili, offuscate dal tempo che ne aveva deteriorato i colori e nascosto i particolari».
L’intervento è stato eseguito dal laboratorio di Maria Teresa Leotta di Latignano, che ha riconsegnato le cinque opere nelle scorse settimane. Le prime a tornare al proprio posto sono state quelle di Casciana Terme: una pala di fine Cinquecento attribuita a Domenico Cresti (detto “Il Passignano”) e una tavola raffigurante una Madonna col bambino, risalente addirittura al Trecento. Le tre tele di Sant’Ermo, invece, raffiguranti “La Sacra Famiglia”, “Sant’Agnese” e “Il martirio di Sant’Ermete”, hanno fatto ritorno solo nei giorni scorsi. Il loro legame con la piccola frazione di Sant’Ermo sembra dovuto all’importante famiglia pisana degli Upezzinghi, che nel 1819 avviò i lavori di restauro della chiesa.
Ma non è tutto. Perché all’interno del bando di finanziamento della Fondazione Caripisa sono state inserite anche altre tre opere di grande interesse artistico, che saranno consegnate nei prossimi mesi. Si tratta di due tele dell’artista Santi di Tito (“Madonna del Rosario” e “Circoncisione di Gesù”), conservate nella chiesa di San Nicolò di Casciana Alta. I lavori di restauro dovrebbero concludersi entro fine ottobre. Infine, il famoso Crocifisso “nero” della chiesa di San Martino di Casciana Terme, attualmente in un laboratorio di Lucca. «Il restauro - spiega Meini - sta facendo riemergere i colori originari del crocifisso, fino ad oggi sconosciuti. L’opera dovrà essere pronta entro per il prossimo 3 maggio, festa di Santa Croce; per l’occasione stiamo preparando un’intera settimana di festeggiamenti».
«Queste opere - conclude - oltre a impreziosire le nostre chiese, conferiscono un tocco di qualità ai paesi e all’intero territorio, favorendone il recupero culturale, artistico e turistico. Dobbiamo ringraziare di cuore la Fondazione Caripisa. Abbiamo inserito ben otto opere nel bando di finanziamento, ma sinceramente non speravamo di vedercene accordare più di due, massimo tre. Invece le hanno finanziate tutte, dimostrando impegno e grande interesse».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news