LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA. Bandi per i cantieri del Piuss. Rotta la convenzione col Provveditorato di Firenze
ILARIA BONUCCELLI
IL TIRRENO - LUCCA - 27 SETTEMBRE 2009




Bandi per selezionare non meno di 15-16 persone per gestire i cantieri del Piuss, il piano da 50 milioni di riqualificazione del centro storico con contributi dell’Unione Europea. Rotta la convenzione con il Provveditorato delle Opere pubbliche di Firenze (coinvolto nell’inchiesta sui Grandi appalti), il Comune necessita di tecnici e impiegati amministrativi per seguire i lavori.
I contratti - secondo quanto annuncia l’architetto Mauro Di Bugno, dirigente responsabile del Piuss - dovranno scattare da gennaio, quando (presumibilmente) dovrebbero iniziare i lavori.
Inoltre è previsto anche il potenziamento (a tempo) dell’ufficio contratti per la gestione delle 6 gare d’appalto bandite nelle settimane scorse, e anche la conferma dei contratti a tempo determinato e degli incarichi per l’ufficio di staff creato in Comune proprio per il Piuss. Le collaborazioni esterne verranno portate avanti fino al 2014, quando i cantieri dovranno essere chiusi e la contabilità ultimata.
GESTIONE GARE Per espletare le gare d’appalto milionarie, che comportano anche la fornitura di materiale ai soggetti interessati e i sopralluoghi, l’ufficio edilizia metterà a disposizione dell’ufficio contratti almeno tre persone, «ma appare necessario - scrive Di Bugno - che sia rafforzato anche con un’ulteriore professionalità, ma solo per 4 mesi, solo nel periodo di espletamento delle procedure di gara». Per la valutazione dei progetti, invece, Di Bugno suggerisce di nominare tre commissioni di gara delle quali dovranno fare parte oltre ai dirigenti del Comune, anche esperti di livello nazionale.
Infine, per la gestione delle gare e dei contratti è stato attivato una consulenza con lo studio legale Stancanelli.
GESTIONE CANTIERI E CONTABILITÀ In origine della direzione lavori, della sicurezza nei cantieri e anche dei collaudi, oltre che di tutta la contabilità collegata avrebbe dovuto occuparsi il Provveditorato delle Opere pubbliche. Interrotta la collaborazione, per svolgere queste mansioni, secondo il Comune servono non meno di 15-16 persone fra tecnici e personale amministrativo per la contabilità che non è possibile reperire fra i propri dipendenti. In base anche alle direttive dell’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, l’amministrazione comunale ritiene opportuno di «emanare uno o più bandi per selezionare tali figure con procedure di evidenza pubblica». In questo modo - evidenzia Di Bugno - potranno essere individuate «le professionalità necessarie, dando al tempo stesso sbocchi di lavoro qualificato in un momento forte di crisi». Questi incarichi - evidenzia Di Bugno - non comporteranno costi aggiuntivi perché sono già conteggiati nei progetti approvati.
Tuttavia, la direzione lavori, la sicurezza dei cantieri e anche i collaudi non verranno demandati in toto a personale esterno. Infatti, verrà «istituito un sistema di controllo e coordinamento interno ai cantieri che verifichi e monitorizzi gli interventi, evidenti eventuali problematiche e suggerisca anche soluzioni». Ecco, quindi, che nascerà - annuncia Di Bugno - un ufficio di coordinamento delle direzioni lavori, dotato di «una professionalità tecnica e di due professionalità amministrative necessarie a partire da gennaio, con l’inizio dei lavori». La sede di questo ufficio sarà alla Manifattura Tabacchi dove sarà creata una sede operativa «Cantiere aperto», punto di riferimento anche per la cittadinanza e non solo per tecnici e imprese.
GESTIONE AMMINISTRATIVA E RENDICONTAZIONE Delibere, determine e atti necessari al Piuss saranno a carico dell’ufficio comunale a patto che, anche per i prossimi anni, sia confermato il personale oggi in dotazione: 4 dipendenti di ruolo (uno è part-time), 1 dipendente a tempo determinato, 2 dipendenti con contratto di collaborazione. Anche per la rendicontazione alle Regione (che eroga i contributi comunitari) l’ufficio di staff è sufficiente, anche se dovrà lavorare oltre l’ordinario orario d’ufficio «con modalità ancora da definire».

Le inchieste rallentano l’iter
Vana la richiesta di incontri con i vertici delle Opere
Il Comune vuole superare le difficoltà nella gestione di un intervento decisivo per la città
LUCCA. Necessario rinunciare alla convenzione con il Provveditorato alle Opere pubbliche Toscana-Umbria. Questa l’indicazione che l’architetto Mauro Di Bugno, dirigente dell’edilizia privata e responsabile del Piuss - dà al sindaco. Che stamani dovrebbe inviare una lettera ufficiale a Firenze per confermare la fine della collaborazione. Del resto - osserva Di Bugno - le vicende giudiziarie che hanno interessato il Provveditoraro «hanno comportato un pericoloso rallentamento sul programma di attuazione del Piuss. Più volte, inoltre, sono stati richiesti incontri con il provveditore vicario e poi con il nuovo provveditore, senza esito». E nonostante quanto stabilito dalla convenzione - insiste il Comune - il Provveditorato non aveva predisposto gli atti amministrativi necessari ai bandi di gara, assegnazione lavori e stipula dei contratti, nonostante le gare fossero state ridotte da 8 a 6.
Come se questo non bastasse - spiega Di Bugno - il Provveditorato aveva anche «evidenziato difficoltà operative e gestionali per la scelta del Comune di affidare i lavori in base al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa (quella con il miglior rapporto fra costo e qualità del progetto esecutivo) invece che in base al criterio del massimo ribasso (adottato per tre interventi). In questo contesto, poi, si sono anche inserite ulteriori difficoltà degli uffici che avrebbero dovuto seguire questi procedimenti dal momento che anche la sezione di Livorno del Provveditorato era stata oggetto di ulteriori indagini da parte dell’autorità giudiziaria».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news