LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Fondi dimezzati, la Biblioteca muore
Ernesto Galli Della Loggia
Corriere della Sera 27/9/2010

Tra i doveri di un ministro della Cultura c'è senz'altro quello di non far mancare i soldi a una istituzione dell'importanza della Biblioteca Nazionale di Firenze. Che attualmente, invece, versa in condizioni finanziarie gravissime che ne mettono in pericolo perfino la possibilità dell'apertura pomeridiana. Ma ancora più importante, comunque, è il dovere di testimoniare con la propria azione e la propria parola del rilievo vitale che hanno per l'identità del Paese i beni affidati alla sua cura.
Lettera aperta a Bondi. Il governo senza soldi non può accettare passivamente un disastro annunciato

La Nazionale di Firenze, memoria del Paese, è alla paralisi
Signor ministro, quella che si appresta a leggere è l'ennesima lettera che le viene indirizzata di questi tempi per lamentare le tristi condizioni economiche che afifiggono un'istituzione culturale. Sono d'accordo con lei: c'è qualcosa di insopportabilmente petulante non scevro di una vaga supponenza in queste lamentele in nome della cultura. La cultura: una roba come senz'altro deve averle detto pi di una volta qualche suo collega in Consiglio dei ministri che non produce un centesimo ma sta sempre a chiedere soldi. Di soldi, questa volta, ha bisogno, un urgente e disperato bisogno, la Biblioteca Nazionale di Firenze. La Biblioteca non sto certo a dirlo a lei, che di sicuro lo sa benissimo, ma a qualche lettore distratto è la nostra massima istituzione libraria, il luogo della Penisola dove è conservata la stragrande maggioranza del nostro patrimonio a stampa specie degli ultimi due secoli. Oltre ai libri di ogni tipo, giornali, riviste, opuscoli: tutto ciò che in Italia si è pensato e scritto da un certo momento in avanti sta qui, in questi depositi, in questi schedari, in queste sale. Per far funzionare e mantenere le quali è stato speso quest'anno 1 milione circa di euro, cui il suo ministero ha contribuito con la cifra modesta di 716 mila euro (escluso il pagamento degli stipendi): cifra modesta in sé e tanto più, vorrà convenirne, rispetto all'importanza dell'istituzione finanziata. Che però, ciò nonostante, l'anno prossimo si vedrà decurtare la cifra suddetta a meno della metà: 350 mila euro. Si aggiunga, per completare il quadro, il blocco del turn over: in cinque anni il personale della Biblioteca è diminuito del 60 per cento. Il risultato lo si può immaginare. La catalogazione dei libri, ripresa solo grazie alla generosità del Monte dei Paschi, copre solo il 10 per cento (il 10 per cento!) dei volumi pubblicati negli ultimi due anni; dappertutto arredi vecchi che cadono a pezzi, scarsa pulizia e per finire e quel che più conta è stato annunciato che ormai restano in cassa solo poche decine di migliaia di euro per pagare il personale della ditta che si occupa della distribuzione dei volumi al pubblico, il cui contratto scade alla fine di novembre. Dopo, quindi, bisognerà ridurre drasticamente anche gli orari di apertura della Biblioteca. In pratica, per un'istituzione come questa, l'inizio della fine. Vede, signor ministro, se i soldi non ci sono, non ci sono, chi non lo capisce? (naturalmente per un certo tipo di cose non mancano mai, ma lasciamo perdere) e dunque nessuno intende farle una colpa di una cosa (l'entità del bilancio del suo ministero) che non dipende certo da lei. Ciò che per colpisce che almeno colpisce le persone come me che hanno un qualche interesse diretto in questo genere di faccende è il modo tranquillo, mi viene da dire quasi disinvolto e distratto, spesso addirittura infastidito verso chi se ne lamenta, con cui lei vive e rappresenta all'esterno questa situazione di penuria. Lei è niente di meno che il ministro preposto all'arte, al cinema, ai musei, ai teatri, alle biblioteche, di un Paese che non è il Paraguay o il Madagascar (degni peraltro del più incondizionato rispetto), ma che è l'Italia. Lei sa che senza quelle cose, senza i musei, le biblioteche, il cinema, l'opera, l'Italia non è niente. «Noi» non siamo niente. Senza di esse anche la nostra storia, anche l'oggi citatissimo e celebratissimo Risorgimento, non significano più nulla, l'Italia scompare. Ma non solo l'Italia (come forse a qualcuno piacerebbe). Scompaiono anche, mettiamo, la provincia di Verona o quella di Bergamo; le quali senza le cose di cui stiamo dicendo diventerebbero nient'altro che due floridi distretti economici senza passato, senza radici, che potrebbero stare qui come in Cina o in Romania. Ricchi ma insignificanti: come tutto ci che non ha identità. Vede, signor ministro, nessuno le chiede di darsi fuoco per protesta davanti al ministero del Tesoro.
Ma il Paese - per essere più modesti almeno quella sua parte che condivide il contenuto di questa lettera - le chiede se non altro di condividere pubblicamente le sue preoccupazioni, di dare a esse voce intervenendo nell'arena pubblica non solo per stigmatizzare questo o quell'indirizzo ideologico a lei sgradito. Ci acconteremmo che lei non si stancasse di spiegare all'opinione pubblica e alla classe politica che ogni euro sottratto alle biblioteche, ai musei, al cinema, al teatri, è una ferita aperta nella nostra storia, insomma: alla fine non le chiediamo altro che di condividere una pena, di partecipare a un dolore. Mi creda, se lei lo facesse sarebbe già moltissimo. Con il mio ossequio.

La storia
Nata nel 1714 con Magliabechi
La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze ha origine dalla biblioteca privata di Antonio Magliabechi (30.000 volumi) lasciata nel 1714 a beneficio della città di Firenze. Nel 1771 il granduca Pietro Leopoldo gli aggiunse la propria. Nel 1861, grazie a Francesco De Sanctis, allora ministro dell'Istruzione, fu unita con la Biblioteca Palatina. Dal 1869 la biblioteca riceve una copia di tutto quello che viene pubblicato in Italia. Originariamente era agli Uffizi; nel 1935 fu trasferita nella sede attuale. L'alluvione del 1966 ha causato gravissimi danni, in particolare all'intera emeroteca. Parte rilevante dei fondi danneggiati sono stati recuperati a opera del Centro di restauro appositamente creato. La direttrice della Biblioteca Nazionale è Antonia Ida Fontana.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news