LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per non spegnere il Madre
Rocco Moliterni
La Stampa 27/9/2010

Il Madre, ossia il Museo d'arte contemporanea Donna Regina di Napoli, rischia di chiudere i battenti, dopo solo cinque anni di esistenza. Nel 2003, grazie ai fondi europei per la creazione di centri d'eccellenza nel campo dell'arte contemporanea, fu acquistato nel cuore di Napoli lo storico Palazzo Donnaregina. Divenne museo regionale dopo un restauro firmato da Alvaro Siza. In questi anni, oltre a esporre una collezione di valore internazionale, ha visto il susseguirsi di mostre importanti, da Kounellis a Rauschenberg, da Boetti a Clemente. Oggi però la situazione è drammatica: da mesi non si pagano gli stipendi ai dipendenti e l'Enel minaccia di bloccare l'erogazione dell'energia elettrica e quindi di spegnere il museo. Il Madre sconta non solo i tagli generalizzati alla cultura, ma anche l'essere da sempre considerato un fiore all'occhiello della stagione bassoliniana. Così la nuova giunta di centrodestra non lo mette tra le sue priorità: chiudendo i rubinetti finanziari della Scabec, la società che fornisce i servizi al museo, di fatto ne mette in forse la stessa sopravvivenza. Mercoledì scorso il Madre ha ricevuto una boccata d'ossigeno: in un incontro con la dirigenza dell'Enel, è stata concordata una proroga di 10 giorni per avviare un piano per il pagamento delle utenze arretrate. La proroga è stata concessa dopo l'intervento dell'assessore alla Promozione culturale della Regione Caterina Miraglia che ha sbloccato i primi 300 mila euro dovuti alla Fondazione Donnaregina. Il che, se permette di pagare i dipendenti, non garantisce comunque il proseguimento della normale attività. C'è in questa storia un particolare che colpisce. La goccia che stava per far traboccare il Madre era l'ultimatum poi rientrato dell'Enel. Ora, chi si occupa di arte non può non ricordare l'impegno in varie forme dell'azienda energetica (così come della cugina Terna) per l'arte contemporanea. Però, ci si chiede, piuttosto che far nascere nuove iniziative certo lodevoli ma non sempre fondamentali, perché le aziende energetiche non si impegnano in un momento di crisi a garantire la gratuità della forniture a un certo numero di utenze culturali? Sarebbe un altro modo per dimostrare il proprio sostegno a un settore che la crisi economica e i tagli governativi stanno mettendo in tutta Italia sempre più in ginocchio.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news