LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Ispica un tempo era Spaccaforno
LA SICILIA Martedì 28 Settembre 2010 pagina 46



L'antica città venne rasa al suolo da un terribile terremoto; la nuova venne ricostruita sul colle della «Calandra»


Il palazzo bruno di belmonte, sede del Municipio di ispica
Più di uno gli accessi per Ispica, ricostruita sul colle della Calandra dopo il terribile terremoto che rase al suolo l'antica Spaccaforno: attraverso i tornanti della Barriera ed il territorio offre un interesse archeologico, ricade nella parte terminale di Cava d'Ispica dove esisteva Spaccaforno. L'interesse archeologico da qualche settimana a questa parte si è arricchito di nuove scoperte, le incisioni sul costone roccioso che interessa il convento e la chiesa di Santa Maria di Gesù; attraverso la rotonda di via Brescia per arrivare subito in piazza Santa Maria Maggiore, monumento nazionale per gli affreschi di Olivio Sozzi; attraverso la strada statale 115, provenienti da Modica, per ammirare una stupenda visione panoramica della città, con in testa Palazzo Bruno di Belmonte, sede municipale.
I recenti scavi archeologici nella zona del «Vignale di San Giovanni» ed i restauri delle chiese, hanno fatto diventare Ispica una meta obbligatoria per gli amanti dell'archeologia, dell'arte, delle bellezze paesaggistiche senza contare la fascia costiera di Santa Maria del Focallo, di Diriga, di Punta Castellazzo quest'ultima anche zona archeologica, l'oasi di Pantano Longarini, famoso per la «passa» degli uccelli. L'impatto con la zona archeologica per chi sceglie l'accesso alla città attraverso i tornanti della Barriera è immediato, il visitatore può subito ammirare l'antica chiesta rupestre di San Giovanni, assieme ad un piccolo sepolcreto di epoca bizantina, venuto alla luce durante i lavori di recupero e restauro della chiesetta. Tutto da ammirare l'antico mulino ad acqua «Tre ladri».
Si diceva all'inizio delle nuove scoperte archeologiche o presunte tali, le incisioni sulla roccia. Le incisioni, sia pure rudimentali, almeno nell'apparenza, emanano un fascino indescrivibile. La più importante scoperta un volto di Cristo, un volto maschile enigmatico incorniciato da una benda, con capelli visibilmente fluenti e folta barba, oltre ad un grande masso in cui sono scolpite diversi volti umani che nell'insieme parrebbero riprodurre un unico grandissimo volto. Tutto da scoprire. C'è chi sostiene che l'autore di queste stupende incisioni possa essere uno dei proprietari della zona interessata, Francesco Corallo, recentemente scomparso. In una sua abitazione si trovano le stesse incisioni della roccia riprodotte in sculture lignei. Attraverso i tornanti si arriva al Parco Forza, un sito archeologico abitato sin dalla preistoria, nel medioevo ospitò un castello, della famiglia Stetella signori di Spaccaforno. Il turista può ammirare i resti dell'antica chiesa dell'Annunziata, i resti del Palazzo marchionale, il famoso «Centoscale» incavato nella roccia, una grande grotta trasformata in una stalla identificata come la «Scuderia». Una grotta, etichettata come Antiquarium, conserva reperti che provano la presenza del sito nell'Età del Bronzo. Nel fondo valle la chiesetta di Santa Maria della Cava, incavata nella roccia, con i suoi bellissimi affreschi di epoca mediovale, raffigurano il Cristo alla Colonna tra gli apostoli e la Madonna col Bambino. Nella parte del centro abitato da visitare la chiesa ed il convento di Santa Maria di Gesù, il santuario della Madonna del Carmelo, Patrona Civitatis vi viene custodito un prezioso pulpito ligneo e la pala della Madonna del Carmelo del palermitano Bagnasco. La chiesa Sant'Antonio Abate custodisce due preziose tele raffiguranti gli apostoli Piero e Paolo. Attraverso il corso Vittorio Emanuele si arriva alla basilica dell'Annunziata, opera del capomastro Carlo Di Gregorio. L'interno della basilica è impreziosito da pregevoli stucchi di Ganforma, tutti da ammirare assieme ad una tavola dell'Annunciazione. Chi ama accedere in città attraverso la Statale 115, il primo impatto da non dimenticare quello con palazzo Bruno di Belmonte, un fulgido esempio siciliano del liberty, opera dell'architetto palermitano Ernesto Basile. Scendendo attraverso il corso Umberto si arriva nelle piazze principali, in questi mesi oggetto di intervento di manutenzione straordinaria. Può essere ammirata la Chiesa Madre, dedicata a San Bartolomeo Apostolo, Compatrono della città. La chiesa ospita il monumento funebre di don Giovanni Statela, un antico crocifisso ligneo, una tela raffigurante il martire San Bartolomeo Apostolo. Chi accede in città attraverso la rotonda della via Brescia e la via Settembre si imbatte subito nella basilica di Santa Maria Maggiore, monumento nazionale per gli affreschi di Olivio Sozzi., il pittore che dorme fra gli angioli nella casa della cera votiva della stessa basilica. Ospita anche alcune tele di Vito D'Anna. La piazza antistante la basilica è delimitata dall'artistico loggiato, unico, opera dell'architetto Vincenzo Sinatra.


28/09/2010



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news