LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA - Drappi a lutto sul Carlo Felice "Viviamo qui, a casa non ci mandate"
DONATELLA ALFONSO
MARTEDÌ, 28 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA Genova




Scaduto senza risposte l´ultimatum del Cda ai sindacati

"Non accettiamo la cassa, noi non costruiamo macchine, facciamo cultura"

FUORI il lutto, dentro la fame. Segnali forti, quelli che i lavoratori del Carlo Felice hanno deciso di dare ieri pomeriggio, nel giorno in cui avrebbero dovuto, di massima, rispondere alla lettera inviata dai vertici del teatro, quella che chiede loro di accettare la cassa integrazione in deroga per quattro mesi, condizione imprescindibile per avviare il piano di rilancio, così come ha chiarito anche il ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi. «Non accettiamo la cassa integrazione - è la risposta dei lavoratori - noi non produciamo macchine, facciamo cultura. L´ultimatum è scaduto, ma non è arrivata alcuna proposta concreta». Così, la lettera firmata dal sovrintendente Giovanni Pacor e Renzo Fossati è rimasta lì, morta. Come un segno di morte, assolutamente teatrale, è quel grande telo nero che un gruppetto di tecnici e impiegati ha fatto scendere nel primo pomeriggio di ieri sul colonnato del pronao, mentre altri "fiocchi" neri segnavano tutto il perimetro del Teatro, nonché l´entrata degli artisti nel torrione di via Vernazza. E, all´interno, due orchestrali – Claudio Binetti, corno inglese, e Paolo Zaccarini, contrabbasso – insieme ad Ignazia Campese, addetta alle biglietterie, hanno dato ufficialmente il via allo sciopero della fame. Erano le 15.30, il tempo capriccioso non invitava a collocarsi all´esterno: i tre digiunanti hanno deciso di restare in teatro, dove peraltro i lavoratori in assemblea permanente entrano ed escono. Oggi, invece, un gazebo dovrebbe essere montato proprio davanti al colonnato. «Andremo avanti a oltranza. Se si renderà necessario, qualcuno ci darà il cambio più avanti», spiega Claudio Binetti, considerato uno dei professori d´orchestra più preparati e anche una delle voci più ascoltate in teatro.
Tensione e volti scuri, a tutti i piani del torrione. Ma il lutto preventivo non si addice al Teatro, perché, al di là delle accuse dei sindacalisti autonomi e della paura di un po´ tutti i lavoratori, nessuno vuole chiudere. Ma la paura che possa accadere, è vera. E anche se è scaduto l´ultimatum, ora scatta il tempo della trattativa: un tavolo di confronto non-stop, che dovrebbe decollare domani, mercoledì. E andare avanti fino alla ventiquattresima ora, anzi dopo. «Una soluzione vogliamo trovarla», dice Renzo Fossati, direttore di staff, che ieri ha avviato i contatti con tutte le sigle sindacali. «Un´intesa ci vuole, ascolteremo anche le loro proposte», assicura l´assessore alla Cultura Andrea Ranieri.
Così Marta Vincenzi e il Cda si preparano alla trattativa infinita, i cui termini sono peraltro tutti da definire, anche se oggi, pioggia permettendo, il gazebo con gli scioperanti della fame sarà montato davanti al pronao, nel cuore di De Ferrari. Un´esperienza già provata, quella dello sciopero della fame, dopo quello del la primavera 2009 per il fondo pensioni; ma adesso è un´altra storia. E quanto sta accadendo al Carlo Felice è negli occhi e nel cuore di tutti gli enti lirici italiani. Ieri a Torino, presentando la nuova stagione lirica del Teatro Regio (bilanci in attivo e mille abbonati in più), il sovrintendente Walter Vergnano ha sottolineato i rischi: «Abbiamo sempre basato i nostri progetti sulle risorse reali e non su quelle attese. Ma se gli enti finanziatori, in primis lo Stato e poi gli enti locali, dovessero fare ulteriori tagli, neppure noi saremmo esenti da un rischio Carlo Felice di Genova».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news