LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«I disastri lungo le coste»
Giannandrea Mencini
Terra 28/9/2010

Il professor Gerolamo Fazzini lancia l’llarrne sui danni provocati ai siti archeologici costieri da1l’attività umana

In previsione del convegno su Erosione costiera nei siti archeologici , che si terrà il 2 e 3 ottobre prossimi all'Isola del Lazzaretto Nuovo, incontriamo il professor Gerolamo Fazzini, rappresentante legale Ekos Club , associazione di volontariato concessionaria dell'isola demaniale del Lazzaretto Nuovo, e presidente della sede di Venezia e consigliere nazionale di Archeoclub d'Italia . Inoltre, Fazzini è ispettore onorario del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Professore, sono in pericolo i siti archeologici nelle aree costiere?
Siamo partiti dalla Laguna di Venezia, che si può considerare una vasta area archeologica sottoposta a fenomeni erosivi, ma poi abbiamo dovuto verificare che il problema dell'erosione è un tema nazionale e riguarda tutta la Penisola. I vari Soprintendenti per i Beni Archeologici che abbiamo invitato e che giungeranno da varie Regioni d'Italia, ci riferiranno in merito. Purtroppo non c’è solo il caso clamoroso di Kamarina, in Sicilia, dove la costruzione della diga di un porto ha causato correnti che stanno portando via le mura dell'antica città, importante colonia siracusana del V-III sec. a.C. In Italia ci sono molte altre realtà a rischio.
Quali sono le cause principali dei fenomeni erosivi che investono i siti archeologici? Ancora l'uomo?
La spiegazione di certi disastri è sovente imputabile proprio all'opera dell'uomo. Esistono molte testimonianze che mettono in luce come, con le modifiche al territorio, l'uomo ha fatto danni spesso irreparabili. L'Italia è ormai un paese ad altissimo rischio idrogeologico. Dopo secoli di pacifica convivenza tra uomo e ambiente, basta veramente poco per rompere l'equilibrio. Nel caso dei siti archeologici costieri, essi potrebbero rappresentare grandi risorse in termini di valorizzazione del patrimonio, ma dopo millenni di storia si trovano in molti casi minacciati da una incalzante erosione. Il moto ondoso può inghiottire in pochi anni decine di metri di costa e di reperti archeologici.
Ci sono possibili rimedi e opere non impattanti per proteggere le coste dall'erosione e dal moto ondoso?
Secondo i nuovi orientamenti di ingegneria idraulica costiera e ambientale, le coste e i siti archeologici costieri si possono proteggere in vari modi, con opere flessibili a basso impatto ambientale, come ripascimenti protetti, barriere frangiflutti soffolte, pennelli permeabili, geotubi, schermature, rivegetazioni, rivestimenti in legname e pietrame, burghe, buzzoni, ecc., che possono anche riqualificare l’ambiente naturale in cui il bene archeologico è inserito.
Quali sono le aree costiere italiane o nell’Alto Adriatico a rischio?
Sentiremo quanto ci diranno in particolare il Magistrato alle Acque e le Soprintendenze per i Beni Archeologici del Veneto e del Friuli Venezia-Giulia. Noi possiamo dire che anche in molte zone della Laguna nord di Venezia che si trovano intorno all'isola del Lazzaretto Nuovo, dove operiamo da quasi trent’anni, è in corso un processo di erosione, causato dal moto ondoso e dalle maree. Quando si distrugge una barena , che è il tipico terreno lagunare semi-paludoso periodicamente sommerso dall'acqua, spesso non scompare soltanto un ambiente naturale assai interessante da vari punti di vista floro-faunistici, ma anche una porzione di territorio dove spesso sono conservate importanti testimonianze archeologiche. In Laguna ci sono circa 250 siti sommersi di interesse archeologico entro un arco cronologico che va dal neolitico all'epoca moderna. Fino al XII-XIII secolo, ad esempio, intorno all'isola del Lazzaretto Nuovo, allora denominata Vigna Murada , c’erano vaste saline. Nelle secche e barene davanti a S. Erasmo ci sono argini-strada di epoca romana dove sono state trovate anfore e altri reperti. L’iisola stessa del Lazzaretto Nuovo è uno scrigno archeologico per certi versi a rischio, specialmente nei lati nord ed est costituiti da barene in erosione. Qui poi la situazione si complica con il problema dell'alta marea. Quando, superato un certo limite, l'acqua salata comincia ad entrare, sono minacciate sia la vegetazione secolare, come i gelsi del viale principale, sia le strutture del lazzaretto cinquecentesco.
Ci può raccontare in breve la storia del Lazzaretto Nuovo? L'isola, non distante dal porto del Lido, nel Medioevo monastero benedettino conosciuto con il nome di Vigna Murada, dalla metà del XV secolo ospitò un Lazzaretto detto Novo per distinguerlo dall'altro, il Lazzaretto Vecchio (che aveva funzioni di ospedale per gli ammalati di peste), divenendo luogo di quarantena per le navi della Serenissima sospette di contagio. Il principale edificio, il cinquecentesco Tezon Grande , conserva ancora alle pareti scritte e disegni originali che ricordano la presenza di mercanti e guardiani del Magistrato alla Sanità e costituiscono un originale corpus storico-epigrafico, oggi in restauro grazie ad un contributo Unesco. In epoca moderna fu usata per scopi militari e quindi abbandonata. Vincolata, è una delle poche isole minori della Laguna di Venezia ad aver conosciuto una decisa azione di recupero grazie in particolare ai restauri del MiBAC e del Magistrato alle Acque di Venezia. Da anni è in concessione all'associazione Ekos Club Onlus che garantisce custodia e gestione.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news