LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Una tempesta spalanca il palazzo. Vittorio Sgarbi già al lavoro da Soprintendente.
IL GIORNALE DELL’ARTE – 28 settembre 2010

Al momento della sua discussa nomina a Soprintendente al Polo Museale veneziano Vittorio Sgarbi aveva «minacciato» di fare «fuochi d'artifìcio»(cfr n. 299, giu. ‘10, p. 1): ha mantenuto la promessa. La sua prima azione in qualità di Soprintendente «speciale» ai Musei e alle Gallerie Statali di Venezia è stata infatti l'improvvisa inaugurazione il 29 agosto di una mostra che, fino all’ottobre, riunisce i tre più celebri capolavori di Giorgione (1477-1510), «La vecchia» (1506), «La tempesta» (1507- 08) e «La nuda» (1508), consegnati alle Gallerie dell'Accademia, in uno dei più belli, ma «snobbati» palazzi di Venezia, Palazzo Grimani in campo Santa Maria Formosa. Acquistato nel 1981 dallo Stato italiano e aperto al pubblico nel dicembre del 2008 (cfr. n. 282, dic. 08, p. 24) dopo vent'anni di restauri, il Palazzo che fu la dimora patrizia dell'antica famiglia soffre di una cronica carenza di visitatori. Abbiamo chiesto a Vittorio Sgarbi di chiarire la situazione. Perché questa decisione così improvvisa? Può sembrare strano, ma con un indifferenza determinata dall'assuefazione all'eccesso di bellezza, Venezia non ha programmato alcuna iniziativa o celebrazione in corrispondenza del quinto centenario della morte di uno dei suoi più grandi e romantici pittori: Giorgione. Molti ricorderanno la bella mostra di qualche mese fa a Castelfranco Veneto (cfr. n. 292, nov. O9,p. 31,Ndr), luogo d'origine dell’artista ma è evidente che la città d'elezione di Giorgione è Venezia, per una particolarissima affinità di essenza che, nel Cinquecento, rese Giorgione il pittore più raro e ricercato dai collezionisti veneziani. La città si esalta a ogni appuntamento con la contemporaneità legato alla Biennale di Venezia, e si onorano mercanti e promotori del contemporaneo come Pinault, che ha destinato la sua raccolta privata a Punta della Dogana e a Palazzo Grassi. Grande clamore e grande struscio per l'inaugurazione di quelle sedi, che hanno richiesto investimenti stupefacenti. Così ho pensato, con una caccia al tesoro, di spostare le opere di Giorgione conservate alle Gallerie dell'Accademia, sottoposta a infiniti restauri. Perché ha scelto come sede proprio Palazzo Grimani? E il classico «uovo di Colombo», soprattutto perché, con l'euforia della esposizione nei mirabili spazi di Palazzo Grimani, si riapre al pubblico, in modo e in orario continuativi, un edificio altrimenti vuoto, a tratti visibile su prenotazione, con un rito perverso, per due o tre persone al giorno. Dunque, arrivato a Venezia come Soprintendente «speciale», mi trovavo,fra gli altri, almeno due problemi: uno di risarcimento del ruolo egemone della città rispetto a simboli della cultura universale come Giorgione; l'altro, di funzionamento di un istituto museale di straordinaria architettura, uno dei palazzi più belli del mondo, privo di collezioni, monumento di se stesso. Ed è ben vero che Palazzo Grimani era stato sede di una delle più importanti collezioni di archeologia del Rinascimento, ed era stato addirittura concepito per contenerle, ma, dopo il lungo e meticoloso restauro, non aveva trovato il suo pubblico se non in rari cultori di architettura. Approfittando dell'XI edizione della Biennale di Architettura (dal 29 agosto al 21 novembre), ho pensato di rianimarlo con un ciclo di mostre, di uno o più grandi capolavori ospitati temporaneamente nello stesso spirito dei collezionisti di Giorgione, come i Marcello, i Contarini, i Vendramin, che custodivano, come preziose rarità, le opere del misterioso e ammiratissimo pittore veneziano. Ecco allora, «La vecchia», «La tempesta» e «La nuda» dal Fondaco dei Tedeschi. Opere come allegorie simboliche e morali: la bellezza, la giovinezza nella natura, la fine di entrambe, «col tempo», nella vecchiaia. In tal modo, la ricerca dei capolavori di Giorgione porta alla scoperta del palazzo: scoprire «La tempesta» di Giorgione nella Tribuna di Palazzo Grimani è un'emozione quasi insostenibile, come forse non fu neppure nel Cinquecento. Ha già pensato ai nomi dei prossimi artisti? Dopo Giorgione, il ciclo degli ospiti illustri continuerà con Nieronymus Bosch, Canaletto, Tiziano e Vasari, in un continuo rilancio e nell'esaltazione del palazzo. Al secondo piano, inoltre, in attesa della 54ma Esposizione Internazionale d'Arte che si terrà dal 4 giugno al 27 novembre 2011, se ne ospiterà il «cantiere»per la selezione degli artisti italiani.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news