LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Quelle case sulla collina a rischio frane
FRANCA SELVATICI
MERCOLEDÌ, 29 SETTEMBRE 2010 La Repubblica - Firenze


Sigilli per 32 villette nel Chianti. Tra gli indagati il fondatore della Quadra



Alcune erano già completate L´accusa: "È un´area proibita" Stop al cantiere


«Nel cuore del Chianti, Giudici Costruzioni propone 32 bellissimi appartamenti». «Strada in Chianti è la tranquillità che cercavi». Con queste parole, a corredo di magnifiche foto, Giudici Costruzioni pubblicizza su internet il nuovo insediamento di villette a schiera che sta sorgendo in via Guglielmo Ferrero a Strada in Chianti, al posto della ex falegnameria Alma. Da una settimana, però, gli investigatori del Corpo Forestale dello Stato hanno sequestrato il grande cantiere con le villette già quasi completate. Una parte di esse, secondo le accuse, sono state costruite su un´area inedificabile per la presenza di una frana e della fascia di rispetto della frana. I lavori sono stati fermati. Il giudice delle indagini preliminari Michele Barillaro ha convalidato il sequestro. La procura ipotizza reati ambientali e urbanistici e in più il falso e l´abuso d´ufficio.
Nelle indagini, coordinate dal pm Giuseppina Mione, sono coinvolte a vario titolo dodici persone. Fra di loro figurano due protagonisti dell´inchiesta sulla Quadra, la società di progettazione che ha segnato l´urbanistica fiorentina degli ultimi dieci anni, firmando innumerevoli interventi, e che dopo gli arresti per corruzione è stata sciolta. Il progettista delle villette di Strada è l´architetto Riccardo Bartoloni, già presidente dell´Ordine degli architetti di Firenze e a suo tempo fondatore della Quadra con il geometra Alberto Formigli (ex capogruppo del Pd in Palazzo Vecchio) e il geometra Alberto Vinattieri. L´impresa di costruzioni è guidata da Lorenzo Giudici, che ha commissionato molti progetti a Riccardo Bartoloni e che nell´inchiesta Quadra è indagato per truffa. Fra le altre persone investite dalle indagini sul cantiere di Strada ci sono l´ingegner Marco Bartoloni, fratello di Riccardo e progettista delle strutture, e l´architetto Andrea Cappelli, ex dirigente dell´ufficio tecnico del Comune di Greve in Chianti, di cui Strada è una frazione.
Giudici Costruzioni ha ragione nel descrivere la cornice di sogno nella quale sta sorgendo il nuovo complesso di villette. Dall´alto di una collina, esso domina una incantevole vallata, verde e silenziosa. Secondo le accuse, però una parte delle villette è stata costruita su un´area inedificabile per la presenza di una frana. La frana è individuata dal piano strutturale di Greve e indicata anche dal geologo dell´impresa di costruzioni nella relazione allegata al progetto. La malizia, secondo le ipotesi accusatorie, consisterebbe nel fatto che sulle tavole di progetto le villette risultavano collocate in aree diverse da quella della frana e della relativa fascia di rispetto, mentre poi di fatto alcune di esse, quelle più a valle, sono state costruite nell´area inedificabile (perché a rischio). Non risulta alcuna istruttoria al riguardo. Non è stata chiesta una modifica al piano strutturale, né alcun progetto per opere di consolidamento. Non è stato richiesto l´intervento dell´Ufficio del Genio Civile, non è stata eseguita la verifica obbligatoria sulla stabilità del versante. E neppure risultano essere stati effettuati i doverosi controlli da parte dell´ufficio tecnico del Comune. Il vincolo idrogeologico serve a preservare l´ambiente fisico e a garantire che gli interventi che interagiscono con il territorio non ne compromettano la stabilità né inneschino fenomeni erosivi. Nel caso di Strada in Chianti, non si sa quanto sia pericolosa la frana. È certo però - affermano procura e Corpo Forestale - che in mancanza di verifiche sulla stabilità del versante e di modifiche del piano strutturale nell´area di frana e nella fascia di rispetto non si poteva costruire.
Una ulteriore contestazione riguarda la strada di cantiere che ha tagliato la collina, attraverso un bosco. Si tratta di un´area sottoposta a vincolo paesaggistico: per realizzare la strada sarebbe stato perciò necessario chiedere il permesso alla Soprintendenza, mentre non vi è traccia di alcun atto del genere.
L´inchiesta è nata da una segnalazione dell´ex consigliere comunale di Greve in Chianti Roberto Migno, già di Forza Italia, che molto si è impegnato sui temi della trasparenza e della correttezza urbanistica.
Correttezza che non è mancata affatto nel cantiere di Strada, sostiene l´avvocato Pier Matteo Lucibello, difensore di Riccardo Bartoloni e di Lorenzo Giudici. Il legale sta preparando il ricorso al tribunale del riesame e dichiara: «Depositeremo una consulenza tecnica che dimostrerà che tutto è assolutamente regolare».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news