LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Un museo farà rivivere l´oro del Casentino
LAURA MONTANARI
GIOVEDÌ, 30 SETTEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Firenze



Apre a Stia in una ex fabbrica che produceva il famoso tessuto e che occupava 1.500 operai

Sala convegni e spazio mostre uffici, ostello
Tutto il sito verrà recuperato



STIA (Ar)
La scritta all´ingresso dice che è un museo, ma quel posto è rimasto soprattutto una fabbrica, con l´odore del lavoro ancora appeso negli stanzoni e le vetrate con gli stessi infissi di una volta. I soffitti a volta, qualche mattone lasciato fuori posto, i pavimenti in legno e cemento. Si sente l´eco della fatica, si vedono i telai pieni di ingranaggi, i filatoi, altri macchinari. Tutto è come ha attraversato gli ultimi due secoli, mancano soltanto le voci di chi ha lavorato in quei capannoni sul fondovalle di Stia, nella grande fabbrica della lana che si è fermata per sempre nel 1985: arenata da una crisi che era insieme di prodotto, finanziaria e imprenditoriale. Dopo anni di incuria e di deriva, questo pezzo di archeologia industriale torna a riaprire le porte. Lo stabilimento dove venivano tessute le pregiate stoffe arancioni e blu del Casentino è oggi una fotografia riconsegnata alla memoria collettiva di questo pezzo di Toscana: il museo dell´arte della lana. Una sfida quassù tra le foreste del Falterona, il torrente Staggia e l´Arno. Fuori dalle rotte del turismo da torpedone, fuori dalle geografie economiche che contano. Bisogna volerlo davvero visitare un complesso così, a un´ora e passa da Firenze, metterlo in agenda e sfidare i tornanti: questo museo che sarà inaugurato sabato (ore 17), è un´anomalia. Infatti nasce da un amore, non da un calcolo o da una strategia di impresa. E´ stata Simonetta Lombard, discendente di una dinastia industriale che aveva preso parte nel Novecento all´avventura di questo lanificio perno dell´economia casentinese, a voler ricomprare la fabbrica che era stata di suo padre e di suo nonno e che era passata con alterne fortune dai Beni ai Ricci, ai Morelli, che era stata fra le prime a introdurre le macchine tessili in Italia, che riforniva casa Savoia e per un certo periodo ha vestito pure i soldati italiani. Nel 2001 quando i capannoni erano già in rovina, Simonetta Lombard paga due miliardi e mezzo di lire per ricomprarli malgrado i tetti sfondati e gli interni trasformati in una discarica abusiva di olii combustibili, nylon e scarti di lavorazione arrivati lì clandestinamente da Prato o da altri distretti. Per capire le dimensioni di ciò di cui stiamo parlando basta un dato: nel periodo di massima espansione al Lanificio di Stia lavoravano prima della Seconda guerra mondiale 1500 persone. Simonetta Lombard crea una fondazione e incarica una persona di fiducia, Piero Della Bordella, un professore cresciuto a Stia, buon conoscitore della storia industriale del posto, di realizzare il museo dell´arte della lana. «Non voleva disperdere la memoria di quello che era passato per questi luoghi» racconta oggi Paolo Blasi, ex rettore dell´università di Firenze, diventato presidente della Fondazione intitolata a «Luigi e Simonetta Lombard». Blasi entra nel progetto quando muore suo cugino Piero e quando muore anche la signora Lombard lasciando una grossa eredità in denaro, case e lo stabilimento del Casentino: tutto vincolato al sogno di aprire il museo. Blasi si mette all´opera, chiama lo studio Comes per dirigere il restauro di una parte del sito industriale.
Da qui oggi parte per un viaggio alla scoperta della lavorazione della lana, dal ciuffo appena tosato al tessuto rifinito. Si attraversano le sale con le macchine dai nomi antichi, la lupa cardatrice, lo scardasso, la cantra, l´orditoio e via via si arriva ai libri mastri, a quello degli infortuni, alle foto d´epoca, ai successi, alle visite dei ministri. Si rilegge da qui una storia che è non solo economica e industriale, ma di gente, facce in bianco e nero, nomi e cognomi che si ritrovano nei registri con le presenze, i permessi, la raccolta delle note tecniche che rivelano gli intrecci segreti di trama e ordito. In una sala c´è il laboratorio didattico dove gli studenti potranno conoscere e lavorare le fibre tessili. Sul piazzale, un negozio, Tessilnova, dove si possono comprare sciarpe, cappotti e borse realizzate con il tessuto del Casentino prodotto a Stia da mani artigiane. E´ chiaro che il museo dell´arte della lana (costo dei lavori 4 milioni di euro) non potrà restare a lungo circondato da capannoni decadenti e che questo è soltanto il primo passo di un progetto più grande: «Abbiamo realizzato una sala convegni e abbiamo una potenziale sala espositiva da 1050 metri quadrati» racconta Blasi che ha offerto un´ala dello stabilimento al Comune di Stia come sede dell´amministrazione e vorrebbe trovare imprenditori interessati a realizzare un ostello per gli studenti. Ma tutto il resto cosa diventerà? Case, hotel, caffetterie, un centro benessere, una biblioteca o qualcosa ancora da immaginare se si troverà qualcuno disposto a investire.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news