LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arezzo, archivio Vasari. «I 150 milioni dei russi in banca a nome dei Festari»
Salvatore Mannino
Nazione – Arezzo 30/9/2010

In esclusiva eredi e avvocato: «I soldi ci sono, lo ha verificato istituto di fiducia. Pronti a finanziare l'anno vasariano»

Nei loro cannoni non solo ci mettono i fiori (in segno di pace dopo un anno di furibonde battaglie legali sull'archivio Vasari) ma anche banconote che frusciano. E frusciano ancor di più in questi tempi di crisi in cui persino organizzare le mostre per il centenario vasariano (parte fra tre mesi, nel 2011) diventa un problema per 1e istituzioni pubbliche. Ecco allora l'ultima offerta degli eredi Festari che la «Nazione» presenta in anteprima: se l'affare va in porto, se insomma le carte passano di mano e diventano di proprietà dei russi di «Ross Engineering», anche per tramite della bozza di accordo che gli avvocati di famiglia hanno messo nero su bianco in piena estate, i quattro figli del conte Giovanni morto prima di veder concluso l'affare della vita (150 milioni di euro per la vendita dell'archivio cifra mai vista nel campo dei beni culturali) sono pronti a dare il loro congruo contributo finanziario alle mostre dell'anno vasariano. Quanto congruo? Parecchio, vista l'atmosfera: «Più di un milione di euro», garantiscono due degli eredi Festari, Francesco e Tommaso che si presentano in redazione a fianco del loro avvocato, Guido Cosulich. Ma, per quanto risulta al nostro giornale, i soldi potrebbero essere molti di più, quasi il doppio. La condizione è ovviamente che nel frattempo la famiglia riesca a incassare i 150 milioni dei russi di Vassily Stepanov, il gran capo di «Ross». Lo stato, insomma, dovrebbe fermare alla guerra di attrito dell'ultimo anno, dalle cartelle esattoriali di Equitalia alle denunce penali in procura, rinunciare al diritto di prelazione e dare il via libera al passaggio di proprietà.
Altrimenti... Altrimenti ci arrabbiamo verrebbe voglia di parafrasare Bud Spencer e Terence Hill. Perchè Cosulich lo dice a chiare note: «Se il ministero, la sovrintendenza e il Comune non ci daranno la possibilità di chiudere coi russi, gli eredi mai e poi mai daranno il loro permesso alla mostra delle carte contenute nell'archivio. E fino a prova contraria di mostre senza il consenso dei proprietari del bene non se ne possono fare». Il bastone e la carota, insomma. Anzi, prima la carota, cioè l'offensiva di pace che i Festari hanno scatenato tagliando le loro punte di lancia, ossia i protagonisti della linea dura: Enrico De Martino, il procuratore che ha firmato il contratto con «Ross», ed Alberto Marchetti, l'avvocato dei tempi di guerra. Convinti entrambi a fare un passo indietro. Se non basta c'è il bastone, cioè il no all'esposizione delle carte. Nonostante la sovrintendente archivistica per la Toscana Diana Toccafondi abbia già ottenuto il via libera della procura di Roma, che aveva chiesto e ottenuto il sequestro dei sonetti di Michelangelo, delle lettere di Papi e Granduchi e degli altri tesori dell'archivio, compreso un autoritratto del Vasari. E proprio di lì, dal sequestro, ripartirà Cosulich, che nei prossimi giorni presenterà, con il collega Francesco Esposito di Pontedera, un istanza di dissequestro. Al di là di tutti i dubbi del ministero e della sovrintendenza, che si sono tradotti nell'esposto che ha dato il via all'inchiesta dei Pm romani (ipotesi di truffa aggravata ai danni dello stato a carico di De Martino), i Festari sono certi che i russi non sono millantatori e che la mega-offerta è reale. «Ci siamo affidati a BancaEtruria, che abbiamo incaricato di una verifica in Russia», dice Cosulich. «Il risultato è che presso la Sberbank di Mosca c'è davvero un deposito a nome degli eredi, che sarà automaticamente svincolato quando Stepanov e i suoi saranno padroni dell'archivio. Anche loro sono pronti a collaborare alle mostre vasariane, che fra l'altro coincidono con l'anno degli scambi culturali italo-russi del 2011». Ormai tra gli eredi e la «Ross» c'è un canale diretto, indipendente da De Martino: «Abbiamo parlato con Stepanov tre giorni fa - spiegano Francesco e Tommaso - sanno della svolta e sono d'accordo. Accettano anche il vincolo pertinenziale che lega le carte a Casa Vasari. Vogliono anzi contribuire a valorizzare il ruolo di Arezzo e il legame con l'archivio. Hanno richieste di mostre dai più grandi musei del mondo: l'Hermitage, il Prado e il British Museum. Loro sono pronti a dire sì, ma chiarendo bene che le carte vengono da Arezzo. Per la città è una grande occasione pubblicitaria». Intanto, gli eredi Festari hanno parlato due volte anche con Diana Toccafondi: «Ci ha fatto capire che questa svolta può sbloccare la situazione. Noi siamo fiduciosi». E l'ipotesi di truffa? «Ma quale truffa? - replica Cosulich -. Qui le cifre sono quelle vere, lo provano le verifiche bancarie». E la firma falsa secondo i periti della procura? «Sbagliano i Pm - assicurano Francesco e Tommaso - abbiamo visto con i nostri occhi nostro padre che firmava. Con le sue mani, sia pure tremolanti per la malattia che lo stava uccidendo».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news