LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SALERNO - Interventi & Repliche. Due beni da salvare
Gerardo Mazziotti
corriere del Mezzogiorno 30 set 2010 Salerno





Caro direttore,

il salernitano Nicola Oddati, che si è candidato a sindaco di Napoli per il Pd, è dal 2001 assessore comunale allo Sviluppo, Lavoro e Turismo, alle Pari opportunità e alla Mobilità, alla Cultura, al Piano strategico di Sviluppo e alle Risorse europee, al Forum universale alle Culture e, inoltre, al centro storico e agli edifici monumentali. Ma, non ostante i troppi impegni, nove anni sarebbero dovuti essere più che sufficienti per uno come lui, definito l'Obama napoletano, per inviare il Piano di gestione del centro storico all'Unesco, che ha minacciato di toglierlo dal patrimonio dell'umanità. Gli sarebbe stato sufficiente consultare gli studi, i piani, gli atti dei mille convegni e delle mille tavole rotonde, le proposte operative, le delibere comunali e regionali e i decreti ministeriali prodotti negli ultimi 50 anni sul nostro centro antico (quello dichiarato patrimonio dell'umanità nel 1995 e da non confondere con il centro storico di oltre 1.700 ettari deciso dall' amministrazione Bassolino per includervi in modo scriteriato mezza città da Ponticelli a Capo Posillipo e al rione alto ). E sarebbe bastato accogliere le recenti proposte delle varie associazioni culturali sulla rivitalizzazione del centro antico per riscattarlo dalle condizioni di degrado, denunciate dalla stampa cittadina e nazionale e che, giustamente, ha allarmato l'Unesco. Per brevità mi limito a citare il quattrocentesco palazzo Carafa di Maddaloni in via San Biagio dei Librai, famoso anche per la grande Testa di Cavallo, posta in fondo al cortile. Che è una copia in terracotta dipinta perché l' originale in bronzo dorato, donato da Lorenzo dei Medici, è stato trasferito al Museo Nazionale alla morte del Duca Diomede. Dopo vari passaggi di proprietà il palazzo è oggi un condominio pubblico-privato che, da almeno quindici anni, è sottoposto a interventi di restauro. Continuo, da anni, a denunciare l'incompren sibile lungaggine dei lavori e i gravi danni che questi arrecano al grande portone ligneo a due battenti con dodici riquadri, sei per ogni battente, in cui sono raffigurate le insegne della famiglia Carafa. Sul pericolo della scomparsa di quest'ultimo esemplare dell'ebanisteria napoletana del '400, citato da Roberto Pane, ho richiamato più volte l'attenzione dell'amministrazione comunale, tra l'altro proprietaria del piano nobile destinato alla Soprintendenza archivistica. Inutilmente. La recentissima minaccia dell'Unesco ha costretto l'assessore Oddati ad assumere l'impegno di consegnare il PdG entro il mese di febbraio 2011. Io penso che sarebbe credibile se, nel frattempo, provvedesse al completato del recupero di palazzo Carafa e alla salvaguardia del suo prezioso portone ligneo. Tutt'e due inseriti nel patrimonio dell'umanità. Almeno per ora.



Napoli



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news