LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Castello, indagini chiuse La procura: Ligresti, Biagi e Cioni a processo
Antonella Mollica
CORRIERE FIORENTINO 30 set 2010 Firenze


Urbanistica e affari, chiesti dodici rinvii a giudizio

La più grande operazione urbanistica di Firenze è arrivata sul banco degli imputati. Anzi, quella che doveva essere la più grande operazione urbanistica. La procura di Firenze, a quasi due anni dalla partenza dell’inchiesta sull’area di Castello, ha chiesto il processo. Dodici le richieste di rinvio a giudizio: c’è l’imprenditore di Fondiaria Salvatore Ligresti con il suo braccio destro Fausto Rapisarda e con un altro collaboratore, Gualtiero Giombini; ci sono gli ex assessori della giunta Domenici Graziano Cioni e Gianni Biagi e ci sono gli architetti Marco Casamonti e Vittorio Savi, consulenti di Fondiaria.
L’area di Castello, di proprietà di Fondiaria, da due anni è sotto sequestro

Il tentativo di dare nuova vita a quei 168 ettari alla periferia di Firenze, stretti tra l’aeroporto, il comune di Sesto Fiorentino e monte Morello, bloccata nel 1989 dal no di Achille Occhetto e poi nel novembre 2008 dai sigilli della magistratura, proprio quando si parlava di realizzare tra quei confini il nuovo stadio, si conclude con accuse che vanno dalla corruzione all’abuso d’ufficio. Secondo i magistrati che hanno firmato l’inchiesta— il procuratore capo Giuseppe Quattrocchi e i sostituti Giuseppina Mione, Gianni Tei e Giulio Monferini — l’interesse pubblico sarebbe stato sacrificato agli affari del gruppo Fondiaria.

Nell’estate 2008 a Fondiaria vennero rilasciati i permessi per costruire. La convenzione siglata tre anni prima tra Palazzo Vecchio e Ligresti, imponeva la realizzazione di un parco pubblico di 80 ettari come contropartita per assicurare che venisse garantito un corretto sviluppo urbanistico del territorio. Il parco era indicato espressamente come «elemento essenziale» ceduto gratuitamente al Comune. Gli assessori Biagi e Cioni, secondo le accuse, avrebbero fatto di tutto per smontare la convenzione tra Comune e Fondiaria-Sai.

Biagi, assessore all’urbanistica, avrebbe imposto al gruppo Ligresti i progettisti di sua fiducia, gli architetti Casamonti e Savi, e si sarebbe attivato per trasferire gli uffici della Provincia nell’area di Castello, ostacolando una gara pubblica che doveva servire a trovare la sede in una zona diversa.

Cioni, invece, da assessore alla sicurezza e alla vivibilità urbana, si sarebbe messo a disposizione del gruppo Ligresti, ricevendo in cambio l’assunzione del figlio e varie sponsorizzazioni per le sue iniziative: 50 mila euro per la campagna sui condizionatori nelle abitazioni degli anziani soli nel 2004; 50 mila euro per la campagna di sicurezza stradale nel 2005; 20 mila euro per la festa dei centenari nel 2005; 40 mila per la campagna Amo Firenze nel 2006; 50 mila euro per il trasporto turistico notturno nel 2008; 30 mila euro per la diffusione del regolamento di polizia urbana. Cioni è anche accusato di aver minacciato l’imprenditore Marco Bassilichi affinché spostasse una dipendente che non gli aveva assicurato il suo sostegno alle primarie del Ad. Un imprenditore è invece finito nei guai per avere aiutato Cioni nella campagna elettorale: Aurelio Fontani, proprietario di diversi ristoranti, avrebbe sottratto 15 mila euro già fatturati, per pagare sondaggi pre-elettorali commissionati da Cioni sempre in occasione delle primarie. L’imprenditore è accusato per questo di appropriazione indebita.

Nell’inchiesta su Castello è finita anche la gara di Terranuova Bracciolini (Ar) per la ristrutturazione di un edificio nella zona macelli. Per quell’appalto pilotato l’archietto Casamonti venne arrestato, mentre finirono indagati Iole Montefusco, dirigente dei lavori Pubblici del Comune di Terranuova e altri tre architetti. Anche per loro la procura ha chiesto il processo. Intanto, dopo due anni, l’area di Castello resta sotto sequestro: Fondiaria sembra essersi dimenticata di quell’area che sembra affondare sotto il peso di una maledizione.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news