LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - Mille case riservate ai militari Emiliano diffida le imprese
PAOLO RUSSO
VENERDÌ, 01 OTTOBRE 2010 la Repubblica - Bari




Nuovo rione al San Paolo: "Procedure sbagliate"

Politica e territorio


«Non deve nascere il quartiere dei militari». Il Comune di Bari si mette di traverso al progetto della cooperativa Pro Difesa che è pronta a realizzare nella campagne tra Palese e il San Paolo mille alloggi destinate al personale dell´esercito e delle forze dell´ordine. Una lottizzazione autorizzata dal ministero della Difesa su suoli di sua proprietà ma di cui il Comune non ha mai ricevuto notizia. Per questo, dopo un consulto con l´ufficio legale dell´amministrazione comunale, il sindaco Michele Emiliano ha deciso di porre un freno a un´iniziativa definita "poco chiara". E lo ha fatto attraverso una lettera siglata insieme all´assessore all´Urbanistica Elio Sannicandro e indirizzata al consorzio di imprese rappresentato a Bari dall´ingegnere Michele Cutolo. Lo stesso della Cittadella della giustizia. Una "diffida a non avviare alcuna attività edilizia in mancanza di un chiarimento giuridico-amministrativo e procedurale".
"In particolare - scrivono Emiliano e Sannicandro - destano perplessità sia l´interpretazione forzata di alloggio di servizio rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente, sia la procedura realizzativa assimilata ad un intervento di carattere militare definito fondamentale per la difesa nazionale".
Per quanto riguarda il primo aspetto l´amministrazione comunale fa notare ai costruttori che "come sentenzia il Consiglio di Stato, gli alloggi di servizio concessi ai militari per esigenze di servizio sono gravati da un vincolo di destinazione correlato, appunto, alle esigenze dello svolgimento del servizio. Ove questa correlazione cessi per qualsiasi ragione, viene meno anche il titolo per l´utilizzazione dell´alloggio. Pertanto - è scritto nel documento - non è possibile, a parere dell´amministrazione comunale, che tali alloggi siano venduti a personale militare come fossero alloggi privati". Una iniziativa assunta dal Comune anche per evitare il ripetersi di una nuova via Pappacena, la lottizzazione della famiglia Degennaro destinata alle forze dell´ordine ma posta sotto sequestro nel 2005.
Inoltre il Comune esprime dubbi su una procedura di edilizia residenziale pubblica rivolta unilateralmente ad una categoria limitata di cittadini e, per di più, priva della condivisione amministrativa comunale rispetto alla destinazione urbanistica ed alla previsione delle necessarie opere di urbanizzazione primaria e secondaria. "La procedura di esclusiva competenza militare priverebbe l´amministrazione comunale di potere di intervento ma la obbligherebbe di fatto ad un rilevante impegno economico per garantire la successiva funzionalità dell´insediamento residenziale che avrebbe le dimensioni di un vero e proprio quartiere di oltre quattromila abitanti cui assicurare servizi di igiene, manutenzione e trasporto". La diffida è partita dopo che la Pro Difesa ha fatto sapere al Comune di avere le ruspe già pronte ad entrare in azione e, con una serie di lettere destinate ad assessori e consiglieri ha "invitato il Comune a non porsi d´ostacolo".



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news