LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Le spese sospette dell´immobiliare anche Portovenere finisce nel mirino
MARCO PREVE
VENERDÌ, 01 OTTOBRE 2010 la Repubblica Genova



La Corte dei Conti passa al setaccio le operazioni di una società controllata dal Comune

Verifiche anche sulla costruzione del parcheggio di Fezzano, contestato aspramente dagli ambientalisti

Mentre nelle vicine Cinque Terre scoppia il terremoto giudiziario dell´anno, anche su un altro gioiello del levante, la Portovenere patrimonio dell´Unesco, si accendono i riflettori di un´inchiesta della magistratura e della guardia di finanza. Certamente meno clamorosa e "cruenta" di quella che ha portato in carcere Franco Bonanini, ma altrettanto fastidiosa in una cittadina che della sua bellezza paesaggistica, morale e amministrativa ha sempre fatto un vanto.
L´indagine, precisiamo subito, non è penale, ma è coordinata dalla Procura Regionale della Corte dei Conti e mira a verificare la regolarità di una serie di atti amministrativi e procedure che riguardano in primis la creazione, la trasformazione e il "core business" della Portovenere Sviluppo, una società interamente controllata dal Comune che come ragione sociale spazia dal marketing territoriale, alla gestione e alla realizzazione di iniziative immobiliari. Tra queste ultime c´è la costruzione del parcheggio di Fezzano, al momento un enorme buco nella terra che dovrebbe trasformarsi in circa 80 box in concessione novantennale e 140 posti auto a rotazione. Una struttura necessaria per alleggerire la pressione dei veicoli su Portovenere secondo gli amministratori, l´ennesimo scempio del territorio che richiamerà ancora più macchine secondo gli ambientalisti.
Ma non è la polemica paesaggistica, al momento, ciò che interessa la magistratura contabile e i finanzieri. Ieri al comando provinciale delle fiamme gialle di Spezia sono iniziati i primi interrogatori. L´indagine è coperta dal riserbo ma si sa che gli inquirenti vogliono capire meglio alcuni meccanismi finanziari e voci di spesa.
In effetti, la Portovenere Sviluppo si presenta al grande pubblico con un volto contraddittorio. Su un sito internet completo di costituzione, statuto e altre informazioni, è infatti ancora definita come una Società per Azioni mentre oggi, anzi a dire il vero già dal 24 febbraio del 2009, è una srl, ovvero una società a responsabilità limitata. Il sito di quest´ultima è unicamente limitato ad una pagina on line dedicata al progetto del park di Fezzano. Non è una differenza solo formale. Infatti, oltre agli aspetti giuridici, si è passati da un capitale sociale di 295mila euro ad uno che si è ridotto a 20 mila euro. Una cifra che, a sentire i critici, sarebbe stata accolta con preoccupazione tra i residenti interessati ad acquistare un posto auto.
Il passaggio da spa a srl racconta, in realtà, la storia di un clamoroso flop, caso non raro nel variegato panorama della partecipate pubbliche - fenomeno sempre monitorato con attenzione dalla Corte dei Conti -. In effetti, la nuova amministrazione del sindaco Massimo Nardini avrebbe voluto chiuderla, ma il dissesto finanziario era tale da rendere l´operazione fin troppo onerosa. Si decise quindi di passare ad una srl che potesse almeno gestire l´operazione di Fezzano.
L´inchiesta contabile, che si muove su ipotesi di danno erariale, si inserisce in un contesto politico urbanistico particolarmente caldo. La cittadina è infatti teatro di molteplici operazioni edilizie che si portano dietro un mare di contestazioni, a cominciare dal progetto di recupero dell´isola Palmaria che per l´amministrazione (ma al suo interno ci sono anche voci contrastanti) è una grande occasione turistica di qualità mentre per alcune associazioni come Vas, Italia Nostra e Posidonia è il grimaldello per trasformare l´isola e aprirla alla "speculazione" turistica. Un altro progetto assai criticato riguarda un parcheggio interrato realizzato su un terreno in origine della Cassa di Risparmio di Spezia. E proprio ad un legale dello studio di Andrea Corradino, presidente di Carispe che a Portovenere ha una casa, si è rivolta la giunta comunale quando, nei giorni scorsi ha deciso di denunciare per diffamazione, proprio in merito ai temi urbanistici, alcuni cittadini e blogger locali.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news