LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Allarme turismo, a Pompei scavi chiusi per assemblea
Susy Malafronte
Il Mattino 1/10/2010

Volantini dei sindacati consegnati ai visitatori: «Tutti devono sapere»

POMPEI. I cancelli della città eterna ieri mattina hanno aperto con due ore di ritardo. Migliaia i visitatori in fila ad aspettare per entrare in uno dei monumenti archeologici più ambiti dai turisti. Questa volta, però, la causa non è una vertenza sindacale, bensì la solidarietà che il personale della soprintendenza di Napoli e Pompei ha voluto infondere ai cittadini che «lottano» contro l'apertura di una seconda discarica a Terzigno. I sindacati Cgil, Cisl, Uil, Unsa e Rdb, compatti come non mai, hanno voluto sensibilizzare i turisti stranieri «sull'allarme ecologico che può rappresentare una seconda discarica realizzata a pochi chilometri dall'area archeologica, eletta patrimonio universale dall'Unesco». «Le organizzazioni sindacali - spiega Antonio Pepe responsabile Cisl - si sono fatte carico di diffondere un volantino informando i turisti del problema. Il futuro - continua Pepe - che si prospetta non è roseo per gli scavi di Pompei e per l'indotto economico del territorio vesuviano, anche perché è ancora viva l'esperienza passata a Napoli, invasa dai rifiuti che causò un considerevole calo di turisti in tutta l'area vesuviana». I sindacati lanciano l'allarme ai Ministri per i Beni Culturali e all'Ambiente, alla Regione Campania, alla Provincia, alla città di Pompei e a tutti gli altri comuni del territorio. «Come lavoratori del sito archeologico più grande del mondo - dicono i dipendenti della Sanp - siamo chiamati dalle nostre coscienze ad aderire alla protesta. La presenza di una discarica e la prossima apertura di un'altra, all'interno del Parco Nazionale del Vesuvio, in un territorio dove sono presenti oltre agli scavi di Pompei altri importanti insediamenti archeologici quali il Museo di Boscoreale, gli scavi di Terzigno in località Cava Ranieri, gli Scavi di Oplonti, mettono in ginocchio l'economia locale e rischiano di compromettere lo sviluppo di questo territorio a chiara vocazione turistica». «Nel parco nazionale del Vesuvio - si legge nel documento sottoscritto dai lavoratori - una discarica, la Sari, appesta l'aria con i suoi putridi rifiuti e avvelena la vita delle popolazioni locali nonché degli addetti alla tutela dei siti archeologici». Gli stranieri, anche se costretti fuori dai cancelli dell'area archeologica per due ore, hanno appoggiato la protesta. «Chiederemo al nostro governo di scrivere una lettera al premier italiano - hanno detto un gruppo di studenti francesi - affinché si trovi una diversa soluzione». Intanto, oggi l'amministrazione cittadina ha indetto un consiglio comunale straordinario a sostegno dei sindaci di Terzigno, Boscoreale, Boscotrecase e Trecase.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news