LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Biblioteca Nazionale, lettori in campo: «Concerto di protesta con il Maggio»
Nicola Coccia
La Nazione - Firenze 1/10/2010

Oggi assemblea per organizzare la«manifestazione con gli orchestrali: «Senza, fondi chiuderà».
Le emergenze
Un milione di euro all'Accademia della Crusca o lascio: è l'appello della presidente Nicoletta Maraschio per salvare la storica istituzione.
Non abbiamo soldi per pagare le bollette: la direttrice dell'Archivio di Stato, Carla Zarrilli, dopo aver tagliato il possibile chiede aiuto.
Sos anche dal prestigioso Gabinetto Vieusseux che rischia di vedere divise in sedi diverse le sue attività di conservazione e di lettura.

I lettori si mobilitano per la Biblioteca Nazionale. Che, ora, rischia di chiudere il pomeriggio e l'anno prossimo di non garantire servizi. "Occorrono fondi e non toppe" dice Lorenzo Peri del Comitato perla mobilitazione dei lettori che oggi, alle 13,30, nella Sala Galileo della Biblioteca, ha indetto un'assemblea per fare il punto sulla vicenda e per organizzare, entro una quindicina di giorni, un grande evento. Una giornata "di riflessione e di protesta" che coinvolga i fiorentini, gli studiosi, gli intellettuali e il Maggio Musicale. Gli orchestrali oppure i coristi. "Pensiamo a un concerto da tenersi nella Sala Galileo oppure sulla scalinata esterna". L'assemblea sarà aperta da Salvatore Aquilina, Natalia Piombino, Lorenzo Peri, tutti del Comitato, e da Paul Ginsborg. Il futuro della Biblioteca, la più grande istituzione libraria del nostro paese, sta a cuore a tantissime persone. "Ma poco al Ministero della cultura", dice il Comitato dei lettori. Per far funzionare questa eccellenza occorre, per la spesa corrente, un milione di euro l'anno. Ma la Finanziaria, ha detto mercoledì alla "Nazione" la direttrice Antonia Ida Fontana, ha dimezzato i fondi. Solo per l'energia elettrica occorrono 250mila euro e altri 93mila per la tassa sui rifiuti. Il ministro Bondi ha suggerito di utilizzare 5 milioni e 600mila euro che sono in un fondo di giacenza. Fondo già impegnato per lavori di ristrutturazione. La direttrice ha specificato che quei lavori "sono fondamentali". Perchè, per esempio, "piove sui manoscritti". Per le infiltrazioni dal tetto si spenderà un milione; due, invece, ce ne vogliono per la nuova ala della Biblioteca; 800 mila se ne andranno per la sicurezza del laboratorio di restauro di Sant'Ambrogio, dove dei duecento specialisti ne sono rimasti 7. In 5 anni, per il blocco del turn over, il personale è diminuito del 60%. I dipendenti sono 125. Insomma si potrà tirare avanti fino a marzo. E poi? Se il ministero non coprirà la spesa corrente si andrà verso le chiusure pomeridiane. «Oggi — dice il Comitato dei Lettori — la Biblioteca resta aperta dalle 8 alle 19. Ma se non ci saranno i fondi la Nazionale rischia di aprire solo dalle 8 alle 13. Qui non verrà più nessuno. Perchè solo per avere un libro può capitare di aspettare anche un'ora e mezza. Tempi lunghi anche per il prestito. Speriamo che la situazione si sblocchi. Altrimenti c'è il rischio che la Nazionale diventi un bel museo».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news