LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, Vele di Scampia. Secchi: nessun valore, è il simbolo di Gomorra
Luisa Maradei
Il Mattino – Napoli 2/10/2010

Il docente universitario critico: «In quelle costruzioni il fallimento dell'urbanistica e della politica»

“E’difficile immaginare un interesse culturale su un'opera che ormai è universalmente considerata il simbolo stesso di Gomorra in tutte le sue accezioni negative». Bernardo Secchi, docente di Urbanistica all'Istituto universitario di architettura di Venezia non nasconde stupore e contrarietà, all'ipotesi di apporre un vincolo culturale sulle Vele di Scampia da parte della Soprintendenza di Napoli.
Professor Secchi cosa c'è che non va nelle Vele di Scampia?
«Ribalto la domanda e chiedo: cosa c'è di culturale in quegli edifici che sono l'immagine stessa del degrado urbano e il fallimento di un certo modo di concepire l'edilizia sociale e popolare? Io credo proprio nulla. Meglio abbatterli, dunque, anziché tutelarli. Penso tuttavia che l'abbattimento debba essere l'extrema ratio. Sarebbe meglio attuare un serio piano di riqualificazione dell'intero quartiere. Demolire una struttura significa, alzare bandiera bianca, ammettere di non essere riusciti in questo intento ma mi rendo conto che per fare ciò servono parecchi soldi e la mancanza di risorse è, forse, alla base del fallimento del progetto iniziale delle Vele».
Come è stato possibile sbagliare l'impostazione urbanistica di un quartiere di nuova progettazione?
«Le Vele scontano diversi errori progettuali e soprattutto politici. Come il Corviale di Roma o altri palazzoni-alveari rappresentano il fallimento di un'utopia urbanistica in voga negli anni Sessanta e Settanta. Grandi complessi residenziali come le Vele possono sopravvivere solo se dotate di adeguate strutture di socializzazione, proprio quelle che sono mancate a Napoli ma anche in altre città come Roma o Palermo. Le risorse erano scarse e quindi si è preferito costruire prima le case ma poi i relativi servizi non sono mai arrivati».
Come è possibile che le Vele siano diventate la principale piazza di spaccio d'Italia? «Non ci è voluto molto. Se un intero quartiere è abitato solo da ceti sociali meno abbienti è facile perla camorra reclutare manovalanza a basso costo e installare li un vero e proprio quartier generale spesso impenetrabile anche alle forze dell'ordine».
Lei è stato consulente perla ricostruzione post-terremoto a Napoli durante la giunta Valenzi. II problema abitativo in città è ancora molto sentito. Da dove ripartire? «Bisogna guardare al modello francese della mixité, ossia della mescolanza: è necessario integrare l'edilizia popolare con quella di mercato. A Parigi gli alloggi popolari non possono superare il 30 per cento in ogni quartiere. Solo così si evita la costruzione di nuovi ghetti. E poi bisogna abbandonare le grosse cubature costruendo edifici più a misura d'uomo ma, prima ancora delle case, è necessario realizzare luoghi di socializzazione».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news