LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Padova. Zanonato va alla guerra «Cultura: taglio dell'80% imposto da Tremonti»
Albino Salmaso
Il Mattino – Padova 2/10/2010

Grandi mostre a rischio. Alla vernice della rassegna sui ritratti dell'800 di Palazzo Zabarella, il sindaco Flavio Zanonato lo dice esplicitamente: il diktat del ministro Tremonti obbliga i Comuni a spendere per la cultura il 20% di quanto investito nel 2009. E con un taglio del1'80% è difficile mettere in cantiere i grandi eventi.

PADOVA. Altro che federalismo e autonomia dei Comuni: dopo i tagli selvaggi all'Università c'è il rischio che le grandi mostre culturali vengano azzerate. O che diventino eventi rarissimi, come le Expo internazionali, riservate ad una ristrettissima élite. L'alternativa è una sola: allargare il patto tra le Fondazioni bancarie e gli imprenditori mecenati. Padova questa strada l'ha aperta 14 anni fa grazie a Palazzo Zabarella che ha saputo imporsi nei grande circuito internazionale come un autentico laboratorio di cultura che ha riscoperto la pittura dell'Ottocento. Perché i grandi eventi sono a rischio? La risposta l'ha data il sindaco Flavio Zanonato, che nella splendida cornice di Palazzo Zabarella ha rotto subito gli indugi: il diktat della Finanziaria Tremonti colpisce indistintamente tutti i Comuni che hanno l'obbligo di spendere per la cultura il 20% di quanto investito nel 2009. E con un taglio dell'80% imposto a piè di lista, è assai difficile mettere in cantiere i grandi eventi, motore di un turismo colto che non dilapida le città lasciando bottiglie e sacchetti agli angoli delle strade. E cosa sarebbe Padova senza la Fondazione Zabarella e senza il mecenatismo di Federico Bano? Verrebbe relegata al rango di anonima provinciale, tagliata fuori dai grandi appuntamenti che mobilitano 150 mila visitatori l'anno, dice il sindaco. La sua amara riflessione si completa con una battuta: «Ci troviamo di fronte ad un mistero della politica: nella stagione del federalismo si toglie autonomia ai Comuni e si viola l'articolo 119 della Costituzione che prevede per gli enti locali autonomia di spesa e di entrata». E quindi? «Non resta che confidare nella collaborazione con le fondazioni private: Palazzo Zabarella rappresenta un modello positivo che va allargato anche ad altre iniziative», aggiunge Zanonato. Federico Bano ascolta in silenzio: dopo aver ringraziato le istituzioni, fa capire che a Padova il vuoto culturale l'ha colmato lui, con il suo stile discreto, senza tirare nessuno per la giacca. Un manager che ha scelto l'eccellenza nel campo della critica con Fernando Mazzocca, docente di Storia dell'arte alla Statale di Milano e tra i massimi esperti del Sette-Ottocento, e poi con Carlo Sisi, direttore della galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti. Due big che hanno garantito assoluta qualità, portando Palazzo Zabarella a raggiungere sempre nuovi traguardi nel ranking italiano, senza le code e il caos. Uno stile raffinato, che ha convinto la Fondazione Antonveneta, guidata dal direttore Bruno Bianchi, a rafforzare l'intesa assieme alla Fondazione Mps, che ha fatto di Siena una delle capitali internazionali del Trecento fino a conquistare Washington, Parigi e Londra. Ma quanto vale la cultura per il Belpaese che si dibatte nella crisi? Secondo una ricerca Ipsos, se l'Italia investisse tanto quanto Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna, otterrebbe un incremento di 140 miliardi, pari all'8,3% del Pil attuale. E' possibile trovare l'orgoglio per risalire la china? Andrea Colasio trova le parole per rassicurare la sala: senza polemiche, annuncia un ottobre di grandi eventi. Dopo la mostra da «Canova a Modigliani» di Palazzo Zabarella, è pronta ad aprire i battenti quella sul «Giorgione e l'enigma del carro». L'assessore non si sottrae al compito di critico e regala una preziosa pennellata: «La mostra sull'Ottocento segna il paradigma di un'Italia che sull'onda del Risorgimento diventa Stato-Nazione e quindi assume una grande veste simbolica e culturale: nell'Ottocento nasce la modernità, la borghesia diventa classe dirigente e Padova gioca un ruolo importante, come emerge da alcuni ritratti-capolavoro qui esposti». E il pericolo Tremonti? Colasio lo dribbla: «Dobbiamo ringraziare le fondazioni bancarie, che in Italia destinano 700 milioni del loro patrimonio agli eventi culturali». Tutti d'accordo. Anche Flavio Manzolini, presidente leghista Apt che non s'arrabbia come Marcato per la polemica del sindaco: è vero, le grandi mostre sono la ricetta per incrementare il turismo e i dati delle presenze negli alberghi confermano che Padova ha ottenuto risultati migliori di Venezia e Verona. E il federalismo? Meglio puntare su Bano...

La finanziaria. «A decorrere dall'anno 2011 le amministrazioni pubbliche non possono effettuare spese per relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicità e rappresentanza, per un ammontare superiore al 20% della spesa sostenuta nell'anno 2009 per le medesime finalità. Ecco il passaggio della finanziaria 2010, all'articolo 6 comma 8, contestato dal sindaco Flavio Zanonato. Un taglio netto alle spese per mostre e convegni dell'80% voluto dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti, che colpisce indistintamente tutti i Comuni.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news