LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Demanio, roadshow ad Albenga
Milano Finanza 2/10/2010

L'Agenzia avvia nella cittadina ligure un piano di incontri con gli imprenditori locali a cui illustrare i nuovi progetti di valorizzazione
Continua il piano di dismissioni del l'Agenzia del Demanio che nel 2010 ha già venduto beni per 58 milioni di euro rispetto ai 61 posti in vendita (ma l'attività di vendita di tale tipologia di asset è stata sospesa da giugno per effetto del federalismo demaniale), e ne ha valorizzati per 9,1 milioni rispetto ai 61 previsti. Di questi ultimi tra l'altro devono ancora avere luogo le gare di tre caserme. Proprio per favorire la dismissione e valorizzazione delle caserme il Demanio sta per esempio lavorando a una serie di incontri con il territorio. Il primo è già in programma per il 14 ottobre ad Albenga, dove si trova l'ex caserma Piave, un meeting con gli imprenditori per spiegare l'operazione e promuoverne la vendita. Il tutto in collaborazione con il Comune di Albenga, la Regione Liguria, il Ministero per i Beni e le attività Culturali e la Provincia di Savona. Si tratta di una ex-caserma molto grande, base d'asta 40 milioni, dove si potranno costruire edifici residenziali, turistico-alberghieri e spazi commerciali. Il Programma Unitario di Valorizzazione di immobili pubblici siti nella Regione Liguria (PUV Liguria) è stato avviato nel maggio 2007 in coerenza con le politiche di pianificazione e di programmazione economica regionale e locale. In particolare la trasformazione urbanistica della ex Caserma Piave prevede la riqualificazione di una parte consistente di città (oltre 60mila mq), la realizzazione di spazi espositivi nell'ex maneggio, la sistemazione di ampi spazi esterni di uso pubblico e la realizzazione di una struttura ricettiva in città nell'ex Palazzina Comando. Il compendio è localizzato in una zona semicentrale del comune di Albenga, a sud rispetto al nucleo antico del comune savonese, a nord rispetto al torrente Centa, nei pressi del fiume Arroscia e a poche centinaia di metri dal mare. Separata dalla costa dalla ferrovia (di cui è previsto lo spostamento a monte ), la caserma si trova in prossimità della statale 1 Aurelia, a pochi chilometri dallo svincolo di Villanova d'Albenga dell'autostrada Genova—Ventimiglia. È esclusa dall'alienazione la porzione centrale non oggetto di dismissione, utilizzata dall'Arma dei Carabinieri come poligono di tiro. Le due porzioni d'interesse comprendono 13 edifici e sono caratterizzate dalla presenza di due grandi aree libere centrali: una, a sud, costituita da un campo da calcio, l'altra, a nord, da un ampio piazzale asfaltato ove, originariamente, si svolgevano le esercitazioni militari. La porzione A, a nord, è costituita da 4 edifici disposti attorno all'ampio spazio centrale. I fabbricati ad est ed ovest erano adibiti ad uffici e camerate e presentano la stessa struttura planimetrica: sviluppo verticale su 3 piani fuori terra e copertura piana. Gli altri due fabbricati sono quello a nord, adiacente l'ingresso principale, e destinato a palazzina comando e spazi ricreativi, costituito da un unico corpo di fabbrica con sviluppo verticale di 3 piani fuori terra; quello a sud, invece, destinato ai servizi, mensa e chiesa. Questa porzione comprende, inoltre, un fabbricato utilizzato come corpo di guardia. La porzione B, a sud, è, invece, composta da 9 fabbricati disposti attorno al campo sportivo, tutti costituiti da un solo piano fuori terra a eccezione dell'infermeria e degli uffici e autorimesse, a due piani fuori terra.
A Bergamo caserma Scotti all'asta Proprio nei giorni scorsi è partito il bando di gara per un'altra struttura molto interessante architettonicamente, la ex Caserma Scotti da lungo tempo inutilizzata, in vendita al centro di Bergamo. La base d'asta è stata fissata a quasi due milioni e mezzo di euro. L'operazione si inquadra nel programma che l'Agenzia del Demanio e il Comune di Bergamo hanno sottoscritto nel 2009 riguardante la valorizzazione di sei immobili di proprietà statale, per lo più dismessi dalla Difesa. L'attuale Pgt bergamasco, il cui iter di approvazione è in fase conclusiva, inserisce la caserma nel Tessuto della Città Storica, con destinazione residenziale e complementari mantenendo invariate le attuali consistenze: 12.410 metri cubi di volume e 2.920 mq di superficie. L'ex Caserma Scotti nasce nel XVI secolo come villa padronale di proprietà dei Cassotti De' Mazzaleoni (passata poi agli Albani e successivamente ai Suardi), nel 1885 trasformata in ospedale militare e poi in caserma. Oggi il complesso è costituito da un edificio principale sviluppato per due piani fuori terra, con impianto a «C», chiuso a sud da un porticato, più tre fabbricati minori di epoca recente, disposti lungo il perimetro, con affaccio su strada e a un solo piano.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news