LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

QUEI BOIARDI DELLA CULTURA, SERVITORI DI MOLTI PADRONI
ETTORE BOFFANO
DOMENICA, 03 OTTOBRE 2010 LA REPUBBLICA - - Torino






Dunque, non deve certo mettere in apprensione la presunta cattiva sorte di questo o di quell´operatore della cultura pubblica subalpina quando anche per lui si propone l´interrogativo lottizzatorio e finale del: "Per chi suona la campana?".
Ma se, subito dopo, si è capaci di prescindere dalle storie personali e dalle meschinità di questa o quella situazione, allora diventa invece importante cogliere ciò che sta dietro quegli "assassinii manageriali": le trame del potere, gli intrecci affaristici (vogliamo dirlo, visto che a Torino c´è chi descrive quel settore come fonte di posti di lavoro e di stabilità occupazionali addirittura superiori alla Fiat?), l´equilibrio nascosto di cose ben più volgari della cultura che le copre.
Prendiamo il caso, ad esempio, di Paolo Verri: rimosso di recente dai suoi importanti incarichi nell´organizzazione dei festeggiamenti dei 150 anni dell´Unità d´Italia, dapprima per espressa volontà del leghista Roberto Cota e poi anche con il consenso bipartisan dei suoi antichi "protettori" in casa Pd. Qui non è certo questione di compiangere il povero Verri (per lui stipendio e paracadute si chiamano già Museo dell´Automobile) e neppure di dolersi per la perdita irreparabile di un talento: coloro che lo conoscono da vicino, infatti, sono perfettamente informati su chi è stato, per oltre un decennio, il suo "padrino". Pronto a proporlo per ogni incarico e ad esaltare continuamente quell´entusiasmo tenero e ingenuo che Verri manifestava in ogni suo discorso e in ogni suo scritto per «una Torino bellissima, rinnovata e grande città della cultura e del turismo».
Poco importano infatti i meriti e i demeriti di Paolo Verri (e quanto i primi fossero inferiori ai secondi), ciò che resta da capire è invece quanto di ben più grave sta accadendo attorno ai famosi "150 anni", dopo l´approdo del centrodestra alla guida della Regione. Perché tanti cambiamenti di ruoli e di vertici? Perché non va più bene Verri e perché (cosa ben più grave) non va più bene neppure Vittorio Bo? E perché tutto finisce ancora una volta nelle mani di un antico "boiardo" della cultura pubblica, un "servitor di due, tre, cento padroni…", uno passato dalla cellula universitaria del Pci alle giunte rosse degli Anni Settanta, dal fiancheggiamento tecnico-politico dell´incultura di Enzo Ghigo alla ritirata strategica (frutto dell´ancestrale memoria marxista-leninista) durante la giunta Bresso (in quel caso il paracadute fu la Reggia di Venaria), per finire all´attuale servaggio del "Sole celtico". Con Venaria che cessa di essere solo un grande edificio, una scommessa ancora tutta da riempire, una straordinaria sfida culturale, e diventa invece un centro di potere "extra ordinem" per il quale tutto passa e con il quale tutto si intreccia (e tutto si tiene) e all´ombra della cui prassi amministrativa si rimodellano, come la plastilina, moltissimi comportamenti pubblici.
È solo la grande voglia della Lega Nord di riscrivere anche la memoria del Risorgimento e delle sue celebrazioni? O è qualche cosa di più e di molto diverso? O sono solo le ubbie autunnali di una stagione di fine corsa che, sul problema della cultura pubblica, del suo finanziamento e della sua gestione, sta offrendo uno spettacolo scellerato e immorale? Chi ha avuto modo di leggere il ricorso presentato al Tar Piemonte (ormai la panacea obbligata di tutti i mali subalpini) dal professor Vittorio Barosio, per conto dei concorrenti esclusi dalla gara per l´allestimento della fetta di celebrazioni risorgimentali destinate alle ex Ogr, esclude con molta sicurezza che tutto ciò stia accadendo solo perché il Carroccio di Cota spera di ripetere e in grande, proprio a Torino, la "rimarchiatura" dell´Italia: come è avvenuto nella scuola di Adro.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news