LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISTOIA. Si torna a parlare di San Lorenzo, il complesso monumentale nell’omonima zona, scrigno di opere d’arte in grandi spazi, ma perennemente chiusi ed ancora in balia di se stessi.
il tirreno Roma, 4 ott 2010



PISTOIA. Si torna a parlare di San Lorenzo, il complesso monumentale nell’omonima zona, scrigno di opere d’arte in grandi spazi, ma perennemente chiusi ed ancora in balia di se stessi. Qui giace un interno mezzo restaurato e mai definto e qui dormono affreschi di pregio, risvegliati solo in rare occasioni. Per questo gran monumento una nuova giornata di studio e successiva visita si è svolta ieri grazie all’associazione “Amici dei musei e dei monumenti di Pistoia”, impegnata da dieci anni in studi su “Il patrimonio monumentale della città fra restauro, riuso e abbandono”.
Argomento all’ordine del giorno “Fuori e dentro San Lorenzo”: relazioni e discussioni al mattino, nella sala sinodale del palazzo dei vescovi, con interventi vari tra cui “dispersione delle opere d’arte della chiesa di san Lorenzo”, di Alice Parri. A triste conferma di una pluridecennale noncuranza. Nel pomeriggio, dalle 15 alle 17, c’è stata un’apertura straordinaria e visita del complesso.
Ma è stato ancora solo “un mordi e fuggi”, praticamente un rinvio “sine die” ad una auspicata apertura e fruizione del bene per sempre e per tutti. Ma per ora, per questo complesso in comproprietà tra il comune di Pistoia ed il Ministero per i beni culturali, non ci sono concrete buone notizie, da nessuno dei due enti. A gelare le attese, sono gli stessi assessore all’urbanistica Silvia Ginanni ed il funzionario della soprintendenza Valerio Tesi. «Di apertura definitiva neanche parlarne - risponde Tesi -: San Lorenzo è ancora un relitto che ha bisogno di molte e attente cure. E poi, Pistoia dovrà interrogarsi sulla sua futura destinazione d’uso».
«Il comune da solo - gli fa eco l’assessore Ginanni - non è certo in grado di affrontare le spese che sarebbero necessarie a terminare i lavori di recupero. Abbiamo chiesto aiuto a privati e istituzioni - rivela l’asessore - ma fino ad oggi non abbiamo avuto nessuna risposta concreta».
Recuperare, riaprire, creare un nuovo percorso d’arte sono argomenti stravecchi: già nell’estate del 1968 monsignor Sabatino Ferrali pose la questione nel catalogo storico descrittivo del “Patrimonio artistico di Pistoia e del suo territorio”. Oltre quarant’anno dopo siamo ancora in alto mare. Eppure, tanta storia abita lì: di preghiere, ed anche di sofferenze, di armi e di lavoro. Fondata nel 1278 dai frati agostiniani, la chiesa subì un vero e proprio stravolgimento nel Secondo Cinquecento, con la demolizione de gli altri gotici e la copertura delle pitture murali, ed ebbe il colpo mortale nel 1880, allorchè fu trasformata in distretto militare. Il complesso diventò poi ricovero e, di seguito, fonderia, falegnameria e cantiere comunale. Il periodo d’oro, quello da rimettere in luce, resta quello di transizione tra medioevo e rinascimento. Del Trecento vi si ammira, ad esempio, un san Cristoforo di Bartolomeo Cristiani, mentre nel Quattrocento Niccolò di Mariano da Siena e Bernardino del Signoraccio vi dipinsero una “Sacra Conversazione fra San Sebastiano, Tobiolo e l’angelo” e un “Presepio”.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news