LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Visconti: “Prima si conosce, poi si recupera"
Serena Gecchele
ArteVarese - 30-09-2010

Il professore ordinario di Teoria e Storia del Restauro ha indicato le linee guida per salvare l'edificio storico saronnese. Bloccare il degrado della struttura e stilare un progetto decennale: questi i punti chiave.


Un quadro poco allettante - Un rapido, ma puntuale excursus sul valore della tutela dei beni culturali in Italia dall'Ottocento ad oggi. Ha iniziato così la conferenza "Un futuro per Palazzo Visconti" il professore di restauro dell'Ateneo milanese. In breve le sue dichiarazioni: "Sono forse 400-500.000 i beni tutelati in Italia, neanche lo Stato sa con precisione quanti siano. Ogni regione italiana ha circa 20.000 beni architettonici vincolati con costi di tutela e restauro altissimi e per di più con Soprintendenze sotto organico e senza fondi. Al decentramento dei poteri regionali, avvenuto decenni fa ormai, non poi è corrisposto un decentramento delle competenze. Questo ha influito e continua a farlo sullo stato di salute degli edifici storici e sul loro mancato recupero. Contiamo infine la speculazione edilizia delle periferie nel dopoguerra che ha portato ad un abbandono dei centri storici".

Cominciamo dalla comunità - Se questo è l'insano background che Palazzo Visconti condivide con molte altre architetture del passato italiano, non resta che animare l'interesse, il desiderio di valorizzazione e trovare i finanziamenti nella comunità. "Se il progressivo distacco della popolazione dalle sue tradizioni, dalla storia locale ha portato e porta al disinteresse per i luoghi del passato, il primo passo per un corretto recupero di Palazzo Visconti" -sottolinea il prof. Bellini- "è farlo conoscere ai suoi abitanti. Solo così il valore identitario renderà utile il sacrificio venale".

Progettazione pensata - La prima operazione, in quanto la più urgente, certamente è bloccare il degrado. "Oggi pomeriggio ho fatto un sopralluogo nel Palazzo" -dichiara l'ordinario del Politecnico- "ho rilevato che il recente intervento tecnico effettuato al tetto è tecnicamente buono, ma mancano i serramenti. Adottarne di nuovi sarebbe un primo importante passo, per evitare di rovinare ulteriormente gli interni affrescati". Secondo elemento: il progetto. "Va riflettuto con calma." -continua Bellini- "Assicuro che due mesi di studi preliminari e quattro mesi di progettazione sono troppo pochi. Solo con i tempi adeguati non ci sono imprevisti finanziari e si ha la possibilità di tutelare anche i minimi particolari, simbolo delle stratificazioni storiche di un bene. Il progetto deve durare almeno cinque o dieci anni e attivare più Amministrazioni. Una sola non potrebbe mai sobbarcarsi gli 8-9 milioni di Euro che servono per riportare il Palazzo a nuova vita".

A rispetto delle norme - In fase di ideazione non si può non pensare alla destinazione d'uso, cioè a cosa servirà il bene tutelato. Il docente lo sa perfettamente ed evidenzia in pochi, ma precisi punti gli ideali ai quali ispirarsi: "studiare i bisogni della città oggi e preventivare quelli di domani, ma soprattutto pensare ad un edificio che, sia esso un museo, una biblioteca, un centro culturale, in parte abitazione privata, in parte a destinazione pubblica, venga recuperato nel rispetto delle norme alle quali la struttura architettonica cui è stato destinato deve sottostare. Importante poi è che la destinazione generi un utilizzo generale da parte della popolazione".

Quale futuro dunque per Palazzo Visconti? Si comincia bene: da chi la conoscenza e la ricerca l'ha sotto mano tutti i giorni. Spiace solo vedere che le persone alle quali più di tutti Palazzo Visconti dovrebbe interessare, perché loro sono il suo futuro, i giovani, non erano presenti in massa alla conferenza come ci si sarebbe aspettato d'incontrare.






news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news