LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Oddati e Belfiore sul centro storico di Napoli
MARCELLO MOTTOLA
Agenzia Radicale, mercoledì 29 settembre 2010

Venerdì 24 settembre 2010 davanti Palazzo San Giacomo di Napoli talune associazioni, tra le quali il Comitato Portosalvo ed il Movimento VANTO, e numerosi cittadini del territorio - tra cui il cantante Eddy Napoli - sono scese in piazza per manifestare la loro preoccupazione per la cancellazione del centro storico di Napoli dalla lista dei Siti del Patrimonio Mondiale Unesco.

Titoli incisivi della stampa hanno così commentato l’iniziativa: 'L'Unesco potrebbe depennare Napoli' (Corriere del Mezzogiorno 25/09/2010); 'Associazioni in piazza: salvare il centro storico' (Il Mattino 25/09/2010). Non si è fatta attendere la replica dell’Amministrazione Comunale che, attraverso gli Assessori Belfiore e Oddati, ha reso noto come “allo stato attuale dei rapporti Comune di Napoli - Unesco, l’ipotesi della cancellazione risulta oltremodo improbabile, anche grazie a due iniziative già in atto.

La prima è quella legata al Grande Programma Centro Storico Unesco, inserito nel PIU Europa. E’ a tutti nota la decisione della Giunta Regionale di sospendere il finanziamento di questo programma dotato di 220 milioni di euro, approvato dalla Cabina di regia e dalle Giunte comunale e regionale nel 2009, nonché condiviso con la cittadinanza nel corso di oltre venti incontri pubblici. Sono pronti progetti esecutivi cantierabili per quasi 40 milioni di euro. Si spera in una ripresa del dialogo istituzionale con la Regione, anche in previsione del Forum delle culture previsto per il 2013.

La seconda è quella legata al Piano di gestione del centro storico, Sito Unesco. L’accordo Regione-Comune-Unesco siglato a Parigi nel febbraio di quest’anno, prevede la consegna del Piano nel febbraio 2011. C’è stato a giugno un primo seminario a Ravello-Napoli con una delegazione di esperti Unesco e del Comune di Napoli; un secondo seminario è previsto agli inizi di novembre, preceduto da un incontro con Unesco ai primi di ottobre. Tra novembre e dicembre si avrà il confronto con le istituzioni e le rappresentanze cittadine; a febbraio, la citata consegna a Unesco della bozza di Piano. Questo è lo stato dell’arte sul tema del centro storico di Napoli. L’attenzione della società civile e del mondo dell’associazionismo culturale è importante e utile, come doveroso controllo e come stimolo, a condizione che si riconoscano i risultati a coloro che a questo problema dedicano costante e partecipe impegno”.

Ancora una volta iniziative non violente promosse dall’associazionismo culturale si dimostrano efficaci nello stimolare l’Amministrazione Comunale ad un risposta su temi di attualità, altrimenti lasciati in secondo piano. Lascia perplessi di come il cronico ritardo nell’elaborazione del Piano di Gestione non sembra preoccupare la giunta comunale. Indecoroso è invece il destino dei monumenti di Napoli, vittime dell’ennesimo scontro istituzionale tra Comune di Napoli e Regione Campania che ha portato alla rinuncia (spontanea) di un capitale di 220 milioni di euro! Tali fondi, chiaramente non sufficienti al restauro di tutti i 700 ettari del centro storico Unesco, apparivano fino a qualche tempo fa come indispensabili per dare inizio al cambiamento.

Ed a confronto i quasi 40 milioni di euro pronti per progetti esecutivi cantierabili fanno sorridere. La preoccupazione resta. Non vorremmo che, essendo la Sanità sull’orlo del baratro con i fari puntanti sui bilanci delle ASL, gli sforzi e le energie istituzionali si indirizzino soltanto su questa situazione di emergenza, trascurando la cura dei monumenti in quanto oggetti inanimati. L’importanza di questi “oggetti inanimati” appare prioritaria per il rilancio della città. Oltre ad essere portatori di valenza culturale e ad essere lo specchio e l’immagine della città, i monumenti del centro storico sono soprattutto una fonte di ricchezza economica.

http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=11163&Itemid=40


news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news