LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L’Aquila. Ricostruzione da dieci miliardi e mezzo.
Il Centro 6/10/2010

Ecco il conto della Struttura di missione per la città devastata. In cassa ce ne sono tre
Enrico Nardecchia
Quanto costa rifare L'Aquila? La cifra di 20 miliardi spaventa un po' tutti. Allora, c'è chi ha preso un foglietto e ha scritto esattamente la metà, un po' come quell'amministratore scaltro del Vangelo in vena di sconti ai debitori del padrone.
Dieci miliardi 530 milioni 449 mila 727 euro. Questo l'aassegnone» che Berlusconi dovrebbe staccare per riparare i danni del sisma. II calcolo è della struttura di missione capeggiata dall'architetto Gaetano Fontana che ha comunicato la cifra a Chiodi.

Quanto costa. Va precisato subito che quella della struttura di missione è una stima provvisoria dei costi della ricostruzione che riguarda i soli danni dell'Aquila città, escluse frazioni e Comuni del cratere. Alla fine, forse, la cifra verrà superata e ci si avvicinerà di più a quella dei 20 miliardi, che nessuno ora si azzarda a voler sottoscrivere. Ecco, nel dettaglio, le singole voci che messe insieme danno il totale di 10 miliardi e 530 milioni di euro. La parte più rilevante della grossa cifra, pari a 3,419 miliardi, è destinata a essere assorbita dalla riparazione degli edifici classificati. E (distrutti oppure con gravi danni alle strutture) che si trovano fuori dal centro storico della città. A seguire, per una somma pari a 2,224 miliardi, c'è il capitolo di spesa relativo alle abitazioni del centro storico del capoluogo di regione. Terzo posto (1,859 miliardi) per il ripristino dei palazzi privati vincolati che si trovano praticamente tutti nella zona rossa della città. Alla ricostruzione delle chiese e degli edifici di culto saranno destinati, invece, 1 miliardo e 300 milioni. Per le opere di urbanizzazione, invece, la previsione parla di 800 milioni di euro. Inoltre, sono previste altre due voci. Si tratta di quella relativa alla ricostruzione degli edifici pubblici non sottoposti a vincolo, per cui saranno necessari, secondo la previsione, 787 milioni e, infine, di quella che riguarda gli edifici pubblici vincolati censiti (circa 250) ai quali andranno 141 milioni, di euro. I conti fanno girare la testa anche a chi è abituato a lavorare con cifre così altisonanti.
La tassa di scopo. A nulla sono valsi gli appelli verso l'istituzione di una tassa di scopo per finanziare la ricostruzione. Soldi dal Lotto, soldi dai Gratta e vinci, ma non da un contributo di solidarietà che magari, subito dopo il sisma, sarebbe stato facile da far digerire agli italiani, come vanno ripetendo tutti gli esponenti dei partiti di opposizione al governo Berlusconi. E invece le risorse arriveranno da altri canali. Quali? Duecento milioni, forse anche duecentocinquanta, da erogare a partire dall'anno prossimo, a rate da 20-25 milioni, e per 10 anni successivi. E questa l'ultima promessa in ordine di tempo, pronunciata all'Aquila dal ministro per i Beni culturali Sandro Bondi che al posto del Lotto ha deciso di pescare sui fondi Arcus, cioè 1'1 per cento del 3 per cento degli stanziamenti per le infrastrutture che ogni anno viene destinato «alla spesa per la tutela e gli interventi a favore dei beni e delle attività culturali». All'Aquila dovrebbero arrivare 25-30 milioni di euro l'anno. Cinque palazzi l'anno, secondo una valutazione ad opera dell'assessore comunale Stefania Pezzopane.
Soldi in cassa. Di soldi in cassa, veri, toccabili, da destinare alla ricostruzione dell'Aquila, al momento attuale, ce ne sono appena tre. Si tratta, in particolare, degli ormai famosi 2 miliardi di euro messi a disposizione dalla Cassa depositi e prestiti attraverso il sistema delle banche, con la formula del finanziamento agevolato. Un meccanismo, questo, che dopo un avvio piuttosto stentato e tra mille diffidenze, adesso pare aver cominciato a marciare a pieno regime. Questo stanziamento è stato finora intaccato per una cifra che si aggira sui 400 milioni di euro che sono stati già impiegati per operare nella ricostruzione cosiddetta leggera, riservata agli immobili che non ricadono nei centri storici, per i quali occorre attendere i piani di ricostruzione. Inoltre, come annunciato nei mesi scorsi dal commissario del governo per la ricostruzione Gianni Chiodi, il governo ha già provveduto a trasferire nella contabilità speciale della struttura commissariale una somma pari a 900 milioni di euro, 170 dei quali da destinare alla ricostruzione degli edifici pubblici e 714 per la ricostruzione privata. Tuttavia, parte di questi fondi è stata messa a dura prova a causa del colpo di coda rappresentato dai debiti contratti nella fase dell'emergenza per sopperire alle esigenze legate all'assistenza alla popolazione. Inoltre, nella cassaforte ministeriale, ci sono anche i 47 milioni di euro di fondi destinati alla riparazione e adeguamento sismico delle scuole di ogni ordine e grado dell'Aquila e del suo circondario. È questa la base di partenza, ma di soldi veri ne serviranno ancora tanti.
Soldi promessi. Nel capitolo dei soldi promessi vanno annoverate le donazioni, ancora in fase di reperimento e di quantificazione. Tuttavia, la gran parte dei fondi di questo tipo è stata già impiegata per realizzazioni che poco hanno a che fare con la ricostruzione vera e propria (vedi Progetto Case). A questo si aggiungono anche gli stanziamenti previsti dall'Unione europea. Una buona mano per abbassare i costi da destinare alla ricostruzione degli edifici di culto e degli altri beni architettonici della città potrebbe arrivare dalla lista di nozze ideata da Berlusconi per l'adozione dei 45 principali monumenti. Ma naufragata tra una promessa e una dimenticanza.
Le sei aree verdi. Domande da presentare entro metà settembre per le sei aree a intervento immediato, o a breve, verdi nel senso di speranza. Le aree in questione sono le zone dell'ex ospedale San Salvatore-Fontana luminosa, del quartiere di Santa Maria di Farfa, di Porta Napoli Est, di Porta Napoli Ovest, del quartiere Banca d'Italia e di piazza della Lauretana-Santa Croce. Si tratta di zone con meno danni, poche macerie, buona viabilità e tante case A e B che attendono soltanto di essere rioccupate. Qui i cantieri, si disse, compresi quelli per gas, acqua e luce, «possono partire subito». E arrivato anche il secondo autunno e serve una spinta decisa e ulteriore per «accerchiare» il centro storico e riportare la gente dentro. Sta per uscire un vademecum dal titolo «Azioni a breve termine-agenda per la ricostruzione». A breve termine,18 mesi dopo.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news