LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Privati cauti sul restauro del Colosseo
Daniela Mecenate
Sole 24ore - Roma 6/10/2010

Poche le domande a tre settimane dalla scadenza del bando del ministero

L'iniziale interesse di qualche mese fa si va raffreddando. Dal gruppo di Diego Della Valle, che aveva dichiarato di voler «scendere nell'arena», alla Fimit (società di gestione del risparmio), sembra subentrare la prudenza. Eppure scadono a fine mese i termini per partecipare al bando di gara pubblicato lo scorso 4 agosto dal Ministero dei Beni culturali per individuare un privato disposto a investire per il restauro del Colosseo. «La visibilità del Colosseo - spiegano da un'altra società che aveva dimostrato iniziale interesse e che invece non ha più presentato nessuna domanda - è tale che se poi qualcosa non va per il verso giusto, la perdita di immagine è enorme. Oltre all'impegno economico, che non è da poco». La cifra necessaria per realizzare tutti i lavori di restauro previsti, infatti, si aggirerà infatti intorno ai 40 milioni di euro. Malgrado ciò al Ministero si ostenta ottimismo. «C'è molto interesse per questo intervento che darebbe grande visibilità a chi decidesse di metterci il marchio - rassicura il Sottosegretario per i Beni e le Attività Culturali., Francesco Giro -. Un interesse sia da parte italiana che straniera. Sono state tantissime le visite di emissari sul posto, esperti provenienti da tutto il mondo per valutare e per elaborare il progetto più adeguato. Già qualche domanda è stata presentata, ma ovviamente non possiamo dire da parte di chi. Ci aspettiamo comunque l'intervento di un'importante cordata e siamo certi che i giorni decisivi per l'arrivo delle candidature saranno gli ultimissimi a ridosso della scadenza». Bocche cucite insomma sui nomi di chi vorrà fare da sponsor al restauro più grandioso del nuovo millennio per la città di Roma, un intervento che dovrebbe chiudersi, secondo le più ottimistiche previsioni, in 3 anni, ma che – per i più realisti - potrebbe richiederne anche 10. L'Anfiteatro Flavio ha già subito nel tempo diversi restauri, ma quello a cui dovrà essere sottoposto a partire dal 2011 sarà il più grandioso di tutti. Quello che dovrà salvarlo dal disfacimento e farlo sopravvivere per almeno altri due millenni. Secondo il piano degli interventi pubblicato dal Ministero, sono necessari almeno 25 milioni per poter completare il restauro del Colosseo, che necessita di interventi sul prospetto meridionale come su quello settentrionale, sugli ambulacri e gli ipogei, sulle cancellate e sugli impianti, e per il quale andrà costruito un centro servizi di 1.500 metri quadrati nella piazza. Dai 25 milioni di euro sono escluse le spese di illuminazione e di gestione del cantiere. Intanto, il prossimo 14 ottobre, verranno aperte al pubblico alcune parti dell'Anfiteatro che erano finora chiuse al pubblico (il cosiddetto "terzo ordine" (quello superiore, l'arena e una parte dell'ipogeo), grazie a un'opera di restauro chiusa nei mesi scorsi.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news