LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, Vele di Scampia. "Tutti insieme possiamo migliorarle"
Fr.Ci.
Avanti! 6/10/2010

Parla il sovrintendente ai Beni culturali Stefano Gizzi, favorevole a istituire un vincolo sulle costruzioni

Il sovrintendente per i beni architettonici e paesaggistici, Stefano Gizzi, tende la mano al Comune sul futuro delle Vele di Scampia e chiarisce le sue intenzioni "assolutamente pacifiche". Architetto, perché un vincolo sulle Vele? "Per il momento è solo una proposta e deve essere letta da un punto di vista architettonico e in un'ottica di condivisione. Le Vele rappresentano un intervento significativo correlato da nutrita letteratura. Si deve evitare di utilizzare simboli del degrado come un pretesto per demolire. Si tratta di un simbolo contemporaneo e non di un ecomostro. E non sono solo io a considerarlo tale, ma anche tra gli esperti del settore è opinione diffusa che sia un'apprezzata opera postrazionalista. È quanto emerso anche da uno studio, divenuto una pubblicazione, commissionato dal ministero dei Beni culturali alle facoltà di architettura italiane nel 2004". E’ palese però lo stato di degrado. Quei giganti di cemento sono diventati un alveare della malavita. Non sarebbe meglio lasciarne solo uno come simbolo e abbattere gli altri per far posto a progetti più utili? "Se ne può e se ne deve discutere. Il mio è un invito al dialogo e il vincolo è un pretesto per affrontare seriamente la questione con i comitati di quartiere, con le istituzioni e con le autorità. L'abbattimento avrebbe dei costi maggiori rispetto ad una riqualificazione che potrebbe anche beneficiare degli apporti finanziari di un vincolo". Il dibattito sulle Vele e sul futuro di Scampia è acceso da sempre: perché questa volta dovrebbe essere diversa? "La sovrintendenza tiene a far sentire la sua presenza e ad essere chiamata in causa prima di prendere una decisione. La proposta di un vincolo è un modo per essere compartecipi del dialogo. Vogliamo esserci e assumere il ruolo che ci compete in questa vicenda, che è quello di tutelare un'opera architettonica che segue canoni riproposti anche a livello internazionale con risultati non degradanti". Come pensa di riqualificarle e quali sono i costi? Come esperto quali progetti consiglia per la riqualificazione e a quali spese bisognerebbe andare incontro? "Con interventi condivisi. Ora è importante che se ne parli seduti, insieme, avanzando proposte concrete. Ogni decisione dovrà essere frutto di mediazione e programmi comuni, ma poi dovrebbe mettere da parte l'idea della tabula rasa". Come risponde alle insinuazioni di chi pensa che dietro ci sia solo una manovra per aggirare i costi di abbattimento? "La discussione credo debba essere ricondotta alla concretezza e l'attenzione ai progetti, più che alle illazioni". II Comune di Napoli si oppone al vincolo. Cosa succederà? "Ribadisco che si tratta solo di una proposta formulata attraverso una nota al sindaco Rosa Russo Iervolino. Non ci sarà un braccio di ferro, quel che conta è che se ne parli e che si valuti se ci sono i presupposti per la riqualificazione".



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news