LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO – Bondi diffida, con cortesia. Nuovo episodio di cultura militante o idee utili? Il ministro ci va.
IL FOGLIO – 6 ottobre 2010

Il ministro per i Beni culturali dice che andrà agli stati generali in programma a Milano. Forse si aspetta che la solita vetrina antiberlusconiana dei maestri del pensiero accreditati a sinistra ceda il passo a "idee italiane" da discutere e magari rilanciare? "La cultura italiana dovrebbe poter offrire indicazioni e proposte serie per il futuro del paese", dice Sandro Bondi al Foglio. "Se questa è l'intenzione, bene. Ma per farlo dovrebbe prima liberarsi dal peso asfissiante dell'ideologia che impedisce di comprendere la realtà e in genere spinge alla faziosità e persino all'intolleranza. Personalmente, temo ogni impegno culturale militante che non produca alcunché in termini di creatività personale, e ancora meno in termini di responsabilità pubbliche". Giudizio severo. Eppure i promotori degli stati generali fanno di tutto per essere o almeno apparire pragmatici: capire, quantificare, osservare, proporre sembrano le loro idee-guida. Cercano, nelle intenzioni, di contrastare il disinteresse di larga parte della società italiana verso le idee, le innovazioni e in generale la cultura. "Oggi assistiamo - dice Bondi - a una specie di corto circuito tra cultura e politica; la cultura tracima di continuo nella militanza politica, rinunciando al dovere della conoscenza, alla riflessione, al ragionamento. E in questo trova un sostegno nei media che drammatizzano le notizie, soprattutto quelle negative. La politica, perciò, non ha bisogno della cultura, non ottenendo da essa nulla di più che mera merce ideologica. Di conseguenza è spinta a staccarsi sempre di più dalla cultura, nel senso di conoscenza e di valori utili a orientare l'azione del governo. Per tornare a stabilire un legame virtuoso, è necessario che la cultura offra un contributo alla conoscenza e all'interpretazione della realtà, e la politica si elevi rispetto alla mera gestione del potere". In questo senso, forse, un osservatorio permanente sullo stato della cultura italiana sarebbe d'aiuto. "E' una giusta preoccupazione, quella di passare in rassegna i dati della cultura. Potrà servire a valutare l'apporto che la cultura offre allo sviluppo del nostro paese, e individuare nel contempo le soluzioni migliori non solo per conservare il nostro patrimonio storico, ma anche per sostenere innovazione e ricerca sia nelle scienze naturali che nelle scienze umane". Un tema più che maturo è quello degli incentivi fiscali al contributo dei privati per la conservazione e gestione dei beni culturali, e la promozione delle attività di cultura. "Certo. Magari si scendesse nei particolari e ci si attrezzasse per questo. Potrebbe avvenire sia attraverso la defiscalizzazione, come succede in altri paesi, sia attraverso la partecipazione diretta alla gestione di istituzioni culturali, per il tramite delle Fondazioni", risponde il ministro. "Da tempo, del resto, sto lavorando in questo senso col direttore generale Mario Resca alla costituzione di fondazioni aperte all'adesione di privati, sia italiani sia stranieri, per la gestione dell'area archeologica di Pompei e la Pinacoteca di Brera. Riguardo, invece, alla rete dei musei statali, presto vareremo una riforma che separerà il ruolo dei soprintendenti da quello dei professionisti della gestione e della valorizzazione, chiamati a operare secondo criteri manageriali. Per un ministero tecnico come il nostro, nato a metà degli anni Settanta ma cresciuto su se stesso in modo esponenziale, si tratta di una riforma epocale, che separa il ruolo della tutela, affidato in esclusiva ai soprintendenti, da quello della gestione e della valorizzazione del patrimonio, affidandolo ai professionisti della gestione manageriale".



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news