LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Annuncio di Bondi: «Una Fondazione per salvare Pompei»
Enrico Paoli
Libero 7/10/2010

Prima di fare il ministro ha fatto il sindaco, e ancor prima di fare il sindaco ha fatto il militante. Oggi, a distanza di due anni dal suo insediamento nella sede del ministero dei Beni culturali, Sandro Bondi si ritrova a fare il ministro-sindaco. E proprio perché amministra, non governa, i Beni culturali del Belpaese, Bondi è convinto che per salvare Pompei occorra un sindaco che gestisca la città morta, salvandola da quella dei vivi. Ma visto che un sindaco per una città morta è materialmente impossibile, meglio ricorrere alla soluzione della Fondazione. «Mi chiedo», dice, «perché dobbiamo vivere in un Paese reso più brutto dalla politica e dall'informazione (chiaro il riferimento all'attacco sferrato al ministro da parte del Corriere della Sera circa la gestione di Pompei, ndr) e se la ragione è che si vuole attaccare Sandro Bondi io dico che si può fare in altri modi. Non c'è bisogno di utilizzare le false accuse. Piuttosto ora è il momento di riflettere sulle migliori forme di gestione per Pompei per fare in modo che il lavoro del soprintendente sia separato dalla gestione. E la strada della Fondazione per Pompei, indicata anche dall'ex ministro Francesco Rutelli, è una possibilità». E già, perché a mettere a rischio questo patrimonio dell'Umanità, peraltro unico al mondo, non sono solo le «cattive polemiche», ma anche le «gestioni sbagliate» degli anni passati, ereditate da questo governo e alle quali Bondi ha provato a porre rimedio con commissariamenti ad hoc. Ma siccome i commissari non possono durare in eterno la strada della Fondazione sembra quella più azzeccata. I tecnici del ministero sono già al lavoro ed entro un mese dovrebbero sottoporre al ministro un progetto di massima, che prevede la compartecipazione degli enti loca-li. Lo soluzione della Fondazione, oltre che rendere più agili le pratiche, potrebbe garantire agli scavi di Pompei un flusso costante di risorse economiche, visto che i privati potrebbero entrare a farne parte. Questo servirebbe a evitare gli errori commessi nel passato. «Guzzo, nei suoi 15 anni di sovrintendenza», sostiene il deputato del PdL Giovanna Petrenga, ricostruendo la gestione dell'ex sovrintendente archeologico di Pompei, «ha ricevuto, nel tempo, dal ministero dei Beni Culturali 60 milioni di euro, dei quali 20 furono utilizzati solo per il rifacimento dei suoi uffici. La restante parte», spiega l'esponente della maggioranza, «non fu mai spesa restando inutilizzata nelle casse fino a compimento del suo mandato. Da sottolineare che nei 15 anni di Guzzo gli scavi di Pompei erano totalmente privi di bagni per turisti, costretti quindi a usare in caso di bisogno la toilette di un bar, per giunta abusivo; e c'era la continua presenza di guide non ufficiali e di cani randagi che si erano totalmente impossessati degli scavi, facendo diventare quel patrimonio la loro cuccia». Situazioni di degrado e disagio che la gestione Bondi ha provveduto a sanare, intervenendo sulla logistica del polo museale a cielo aperto e bonificando l'area occupata dai randagi. Certo, tutto è perfettibile, anche a Pompei si può, e si deve fare di più, e anche un ministro-sindaco avrà i suoi punti critici Ma prima di giocarsi l'immagine dell'Italia per un mero tornaconto politico, converrà attaccare il ministro, non Pompei.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news