LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lo Stato abbandona archivi e biblioteche: così si affossa la ricerca storica
Paolo Acanfora
Giornale di Brescia 7/10/2010

In questi ultimi giorni sulle pagine del Corriere della Sera, lo storico Ernesto Galli Della Loggia ha voluto pubblicare una lettera aperta al ministro dei Beni culturali Sandro Bondi portando alla sua attenzione la disperata situazione della Biblioteca Nazionale di Firenze, alla quale nell'immediato futuro saranno decurtati notevolmente i già scarsi finanziamenti a disposizione. II rischio conseguente (ed in realtà già operante) è l'impossibilità di acquistare nuovi volumi, di continuare il lavoro di catalogazione, di mantenere gli attuali orari di apertura al pubblico. Si tratta di una delle innumerevoli situazioni più che problematiche in cui sono costretti gli istituti di cultura in Italia E, credo, superfluo sottolineare quanto sia stretto il rapporto tra civiltà di un popolo e produzione e fruizione della cultura, quanto la crescita dell'uno dipenda dall'altra È un nesso lapalissiano. Gli allarmi lanciati in questi ultimi anni (decenni?) sono stati molteplici, forse talvolta, come ha voluto evidenziare polemicamente Galli Della Loggia, con modalità un poco da questuanti. Ma il problema non può essere davvero più eluso. Per chi opera quotidianamente nelle università, nelle biblioteche, nelle fondazioni, negli archivi è facile verificare la drammaticità dello statu quo. Occorre capirsi bene su questo punto. Tagliare i fondi a istituti e fondazioni significa non solo eliminare le particolari iniziative di ricerca da questi promosse (il che è già cosa di non poco conto) ma significa rendere indisponibili documenti fondamentali per la storia del Paese. In molti istituti di cultura sono infatti depositati archivi di primaria rilevanza, di movimenti, associazioni, partiti e singole personalità che hanno segnato la storia d'Italia. L'indisponibilità di questi comporta necessariamente l'impossibilità stessa di una qualsivoglia ricostruzione storica. Stesso dicasi per le biblioteche e per le emeroteche, dove si depositano libri, riviste e documenti a stampa. Qual è la fotografia della realtà italiana in questo settore? Archivi in perenne stato di riordinamento (e dunque non consultabili) per grave carenza di personale - e ciò vale per le fondazioni private quanto per i luoghi istituzionali quale, ad esempio, l'Archivio Centrale dello Stato (dove vengono depositate, tra le altre cose, le carte dei vari Ministeri); Biblioteche specializzate che non hanno fondi per acquistare libri e riviste, rendendo di fatto impossibile allo studioso un confronto aggiornato con la produzione scientifica nazionale ed internazionale; Università che hanno completamente rinunciato ad essere riconoscibili luoghi non solamente di produzione ma di «relazione» scientifica, luoghi cioè per loro natura deputati al confronto, alla conoscenza, alla crescita nei settori di competenza. D'altra parte, le polemiche, le rimostranze, gli appelli concernenti i finanziamenti alla ricerca hanno riguardato e riguardano nella grandissima maggioranza dei casi la ricerca scientifica e tecnologica. Le discipline umanistiche sono relegate ai margini dell'estrema periferia, come se nulla o poco avessero a che fare con la realtà contemporanea E’ un orientamento generale, che però in Italia ha una sua fisionomia peculiare che ne aggrava, per ragioni storiche, la patologia E allora diviene sempre più necessaria una richiesta di chiarezza. Le nostre classi dirigenti hanno l'obbligo di spiegare all'opinione pubblica e ai cittadini che cosa intendono fare di quei luoghi deputati alla produzione e alla fruizione della cultura umanistica. Quali le reali possibili prospettive. Quali le eventuali strategie e finalità. Con responsabilità, con senno ed onestà. E’ un loro ineludibile dovere.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news