LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scempi ambientali, monumenti devastati, abusivismo edilizio. Salviamo l'Italia!
Antonella Trentin
Donna moderna 13/10/2010

«L'Italia è come un signore che sa di avere sotto il suo campo una miniera di diamanti, ma preferisce coltivarci sopra patate e costruirci capannoni». La frase impietosa dell'ex ministro francese della Cultura, Jack Lang, è oggi di drammatica attualità, come denuncia un libro sconvolgente appena uscito: Il Bel Paese maltrattato (Bompiani) di Roberto Ippolito, sottotitolo: Viaggio tra le offese ai tesori d'Italia. Al grido di allarme di Ippolito si aggiunge la schiera di associazioni e personaggi noti che hanno a cuore la sorte del nostro territorio violentato: il Fai, Legambiente e persino Oliviero Toscani che ha lanciato una grande campagna di raccolta di foto-testimonianze di cittadini (www.nuovopaesaggioitaliano.it) con immagini degli scempi ambientali. «È un gesto eversivo contro la bruttezza» dice Toscani. «Il mio libro, ahimè, è un'enciclopedia degli orrori» aggiunge Ippolito «ma nella speranza di risvegliare le coscienze di ognuno di noi. L'Italia vanta di gran lunga più siti dichiarati "patrimonio dell'umanità" dall'Unesco (44 su 890 in tutto il mondo), eppure dimentica e oltraggia i propri beni, meraviglie artistiche e paesaggistiche, unico vero tesoro di cui dispone. Incuria e abusivismo sono uno schiaffo alla nostra memoria. Un Paese che non sa tutelare il proprio passato non è in grado di progettare neppure il proprio futuro». A cosa pensa Ippolito? A fatti concreti. «È in gioco la nostra identità, ma anche una potenzialità turistica enorme che potrebbe generare centinaia di migliaia di posti di lavoro». Le ricchezze italiane sono infinite: 4.739 musei, 62.128 archivi, 59.910 beni architettonici e archeologici, 1.144 aree naturali e protette. Ma come utilizziamo tutto questo? «Malissimo» dice Ippolito. «Se nel 1970 avevamo il primato mondiale dei turisti stranieri, ora siamo al quinto posto. Francia e Spagna ci superano. In Italia il sistema dei musei fattura 104 milioni di euro, mentre in Francia il solo Louvre 800 milioni». I nostri monumenti cadono a pezzi, le nostre coste sono deturpate da ecomostri e villette abusive, persino strade romane come l'Appia antica sono invase dalla speculazione. A marzo una porzione del soffitto della Domus Aurea è crollata. Il New York Times scrive: «Mentre Roma si modernizza, il suo passato tranquillamente si sbriciola». Infatti le mura aureliane a Roma sono aggredite dalle piante di capperi, il Colosseo è malato di un particolare cancro alla pietra, ma nessuno se ne cura. A Pompei, devastata dall'incuria e abbandonata ai cani randagi, secondo il presidente del Consiglio superiore dei Beni culturali, Andrea Carandini, ogni giorno 10 centimetri di edifici e colonne vanno in polvere. «Fra trent'anni» prevede «la città sarà scomparsa». Venezia, 60 mila residenti, è stata trasformata in una gigantesca Disneyland, calpestata ogni giorno da 50 mila turisti. «È una delicatissima città museo» si accalora la presidente del Fai, Fondo ambiente italiano, Ilaria Borletti Buitoni. «Non capisco perché non si possa trattarla come tale e fare pagare un biglietto d'ingresso. Il ricavato servirebbe a risanare i monumenti, e non ci sarebbe bisogno di imbrattare con enormi cartelloni pubblicitari Palazzo Ducale e il Ponte dei Sospiri, come accade oggi, per far contenti gli sponsor che finanziano i restauri. In America mi hanno chiesto 4 dollari per vedere la pietra dove si sedeva Toro Seduto e Venezia ha paura a chieder altrettanto per l'accesso ai suoi tesori?». Il Fai in 35 anni ha fatto moltissimo per salvare il nostro patrimonio, grazie alle donazioni di cittadini, aziende, fondazioni private, enti pubblici. Dallo Stato neanche un euro. Tra gli ultimi restauri quello della magnifica Villa Gregoriana a Tivoli. Instancabili anche le denunce e le battaglie di Legambiente contro lo schifo dell'abuso edilizio. «Quindicimila costruzioni fuori norma nella sola Caserta, 1.230 a San Cipriano d'Aversa, più dell'intera Francia» avverte Ippolito. «Quest'illegalità diffusa ha ridotto il nostro territorio un colabrodo ed è responsabile di tragedie come quelle delle frane di Ischia o del Messinese» s'indigna Sebastiano Venneri, vicepresidente di Legambiente. «Oltre 5 mila Comuni sono costruiti in zone a rischio idrogeologico e, secondo il capo della Protezione civile, servono 25 miliardi per la messa in sicurezza di tutto il territorio nazionale. Tanti? Non c'è dubbio, ma l'Italia reagisca prima che sia troppo tardi». La tendenza oggi è un'altra, fa presente Ippolito. Il bilancio pubblico taglia le risorse per impedire le frane e destina alla cultura solo 21 centesimi ogni cento euro di spesa generale.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news