LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Manca l'ossigeno ai musei
Marta Adelaide Marchesoni e Marilena Pirrelli
Sole 24ore plus 9/10/2010

Giornata dei Contemporaneo. Oggi Amaci apre gratuitamente oltre mille spazi espositivi
Gli enti locali tagliano il 30% delle risorse, aiuti dalle fondazioni bancarie

Erano senza stipendio da luglio i sei dipendenti della Fondazione DonnaRegina cui fa capo il Madre di Napoli, nato nel dicembre 2005. Da quest'estate servizi ridotti per i visitatori, tagli delle mostre prodotte dal museo di arte contemporanea (si va avanti solo con quelle prodotte e finanziate dall'esterno) e dal 14 ottobre il museo potrebbe chiudere alle 14, invece che alle 19. L'artista Mimino Paladino il 2 ottobre ha coperto con un drappo nero la sua opera «Prova d'orchestra» nel cortile di Palazzo Reale: in lutto per una cultura "tagliata". Di ossigeno per il Madre ce n'è fino a fine anno, poi chissà. Oggi sono già in cassa integrazione a rotazione i 60 ragazzi della Pierreci-Codess Coopcultura, che gestisce i servizi aggiuntivi (biglietteria, didattica, caffetteria, ecc). La Regione pur avendo rendicontato 8 milioni nel 2009 per il museo dagli 11 del 2008, concede i soldi con il contagocce (gli ultimi 299mi1a euro per pagare la luce e gli stipendi a fine settembre), impossibile una normale gestione e programmazione. La Scabec, società di gestione, in attesa dei fondi regionali ha anticipato le spese maturando un credito verso la Fondazione di 10 milioni. La Regione ha promesso 700mila euro per dicembre e il museo attende un tavolo di concertazione. II caso del Madre è diverso da molti altri musei pubblici, ma il taglio dei finanziamenti degli enti locali è un problema per tutti. L'allarme lo ha lanciato Gabriella Belli, presidente di Amaci (Associazione dei musei d'arte contemporanea italiani) che oggi con la 6a giornata del contemporaneo apre gratuitamente. 1035 spazi. «La manifestazione risponde alla crescente richiesta di contemporaneo in Italia e sottolinea l'importante molo che la filiera dell'arte svolge nello sviluppo culturale; sociale ed economico del paese». 126 i musei associati ad Amaci registrano una situazione difficile con tagli dei contributi pubblici in media del 30% sui loro già risicati budget: «Si tratta di una situazione pericolosa, che mette a rischio la programmazione scientifica e culturale dei nostri musei e, in alcuni casi, anche la loro sopravvivenza» conclude Belli. E mentre il ministro Bondi promette che per i musei statali sarà presto varata una «riforma epocale che separerà il molo dei soprintendenti da quello dei professionisti della gestione e della valorizzazione», ArtEconomy24 in un'inchiesta ha verificato con mano il difficile stato di salute dei musei italiani. Il malato è grave: per qualche istituzione ci sono pochissime speranze se non vengono rivisti o meglio cancellati i pesanti tagli. È il caso del MaMbo: il comune di Bologna commissariato ha ridotto il contributo da un milione a 471mila euro. Essenziali per la vita del museo comunale i contributi delle fondazioni bancarie: la Fondazione Carisbo dal 2006 ha concesso una media di oltre 500mila euro l'anno e quella del Monte un costante contributo di 300mila n museo ha una gestione virtuosa: neanche un euro di debito e 12 milioni tra ricavi auto-prodotti e sponsor che fare? Allarme anche dalla Fondazione Torino Musei: «Se nel prossimo futuro continuerà l'attuale trend negativo non sarà possibile progettare un piano di attività adeguato all'autorevolezza del museo» affermano. «I problemi maggiori li destano gli enti pubblici, la Città di Torino e la Regione Piemonte, che oltre ad aver ridotto i contributi da qualche anno non erogano puntualmente i finanziamenti, in più l'apporto dei privati è limitato. Fortuna che le Fondazioni bancarie hanno rispettato gli impegni assunti, unica certezza in una situazione di indeterminatezza». Il Maroti è in attesa di un finanziamento dalla Regione Lazio e il Museion di Bolzano, vera eccezione, non ha subito negli ultimi tre anni tagli: 2,5 milioni all'anno dalla Provincia Autonoma di Bolzano. Per il futuro? Marion Piffer Damiani, presidente della Fondazione Museion, è tranquilla: «dopo i colloqui con i vertici provinciali, siamo fiduciosi di poter ottenere lo stesso contributo degli anni passati, nonostante il taglio del 6% annunciato al bilancio provinciale 2011». Il Mart, il museo di Rovereto, negli ultimi anni ha beneficiato di 9 milioni di contributi pubblici, ma dal 2011 è prevista una riduzione del 5-7%. In riduzione anche le disponibilità private che, dopo il taglio del 2009, potranno essere minori del 5-7%, in compenso le attività proprie del Mart sono in crescita grazie a un aumento del pubblico pagante e alle entrate da biglietteria e da bookshop del 44%. Gestione diretta e «in economia» da parte del Comune di Verona della Galleria d'Arte Moderna Palazzo Forti con costi annuali intorno al milione — poco meno della metà per i 12 dipendenti — un altro 25% per le spese di gestione e un altro 25% per l'attività culturale ed espositiva. Fondamentale il ruolo della Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno ed Ancona, che versa un terzo delle risorse dedicate all'attività culturale. Di certo afferma l'assessore alla Cultura del Comune, Erminia Perbellini: «la situazione economica e della finanza pubblica non fanno pensare ad un futuro prossimo espansivo per la Galleria, che ha un introito tra biglietteria e bookshop di oltre 60mila curo».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news