LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Il destino incerto di palazzo Zevallos
GUIDO DONATONE
La Repubblica 09-10-10, pagina 1 sezione NAPOLI




NAPOLI rischia di perdere la grande occasione di un nuovo polo espositivo museale e di subire nel contempo l'alterazione della struttura seicentesca del palazzo Zevallos Stigliano in via Toledo, sede storica della Banca Intesa San Paolo, già Banca Commerciale Italiana. Infatti la società privata proprietaria dell'edificio, che non è la banca, ha messo in vendita l'immobile e risulta che sono stati già presentati in via informale dei progetti per trasformare in un centro di vendita o in un megastore un'area interna del palazzo. Ciò vanificherebbe il programma, recentemente ribadito dal presidente di Banca Intesa, Giovanni Bazoli, che prevede di ampliare gli spazi della sede già destinati alla esposizione delle collezioni di opere d'arte dell'istituto di credito, tra cui primeggia il famoso "Martirio di Sant'Orsola". l "Martirio di Sant'Orsola" è l'ultimo capolavoro dipinto a Napoli dal Caravaggio. Prima di essere comprato dall'allora Banca Commerciale e di essere stato riconosciuto quale opera di Caravaggio, fu acquistato per 2 milioni di vecchie lire da un colto collezionista che lo restituì alla proprietaria dopo il giudizio espresso da un grande esperto: "Anonimo caravaggesco destinato a rimanere tale". Nel solco della peculiare tradizione mecenatesca, l'Intesa San Paolo intende invece sviluppare la sua politica culturale realizzando nella sede di via Toledo un vero e proprio polo museale con esposizione permanente di opere d'arte dell'istituto e presentazioni temporanee di mostre antologiche. Attualmente, ad esempio, è in corso la mostra di una selezione dell'importante collezione archeologica della banca di vasi figurati di ceramica attica e magnogreca, dedicata a "Le ore della donna", che è stata integrata con alcuni straordinari crateri ritrovati a Ruvo di Puglia e prestati dal museo Archeologico nazionale di Napoli. È peraltro da sostenere l'idea lanciata da Cesare de Seta ("Il Mattino" del 6 ottobre scorso), di raccogliere nella sede napoletana l'intera collezione di pregevoli ceramiche di scavo provenienti dall'Italia meridionale, che attualmente è conservata nei depositi del palazzo Leoni Montanari a Vicenza, e altresì di riunire a palazzo Zevallos Stigliano anche le cospicue collezioni d'arte del Banco di Napoli, entrato a far parte dello stesso gruppo Banca Intesa. Tali raccolte, che comprendono dipinti dal Cinquecento al Settecento, e pitture, sculture e disegni dell'Ottocento, risultano oggi dislocate provvisoriamente in svariate sedi museali (va rammentato che fu un esponente di Italia Nostra che chiese e ottenne dall'allora presidente del Banco di Napoli, Federico Pepe, di impedire la dispersione fuori di Napoli delle opere d'arte di proprietà del Banco). Ricordiamo intanto che il palazzo fu realizzato dall'architetto Cosimo Fanzago negli anni 1639-1653 (le sue vicende architettoniche sono state ricostruite da Gaetana Cantone) per Giovanni Zevallos, uno di quegli spagnoli spiantati: "povero e miserabile Uffiziale della scrivania di Ratione ...", scrivono i cronisti, il quale praticando prestiti usurai alla corte aveva accumulato ricchezze tali da farsi una "abitazione d'Imperatore" (come attesta lo splendido portale del palazzo), e da comprarsi anche la città di Ostuni assumendone il titolo di duca. Era perciò odiato dal popolo napoletano, che durante la rivolta di Masaniello (1647) saccheggiò per ben due volte il palazzo. Tornando alla tutela di palazzo Zevallos, problema che ora è strettamente connesso al benemerito programma di politica culturale di Intesa San Paolo, chiedo attraverso le pagine di "Repubblica", a nome di Italia Nostra, al soprintendente ai Beni architettonici di Napoli, Stefano Gizzi, di aggiornare il vincolo monumentale a cui è già assoggettato il palazzo integrandolo con un nuovo vincolo di destinazione d'uso, ai sensi del Dl numero 42 del 2004 (Codice dei beni culturali). Il nuovo vincolo deve preservare l'attività della banca e soprattutto la funzione - attuale e da incrementare - culturale e artistico-museografica del palazzo, dove potranno essere esposti anche il monumentale Presepe napoletano del Settecento, oggi custodito a Palazzo Reale, nonché le altre opere di pittura, scultura e di arti decorative antiche e moderne di proprietà delle predette banche, così costituendo un nuovo polo di attrazione turisticoculturale al centro della città.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news