LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - «I vincoli fermano lo sviluppo»
LA SICILIA Domenica 10 Ottobre 2010 Ragusa, pagina 32


Cosentini affianca Dipasquale, la Cgil aspetta l'incontro con Lombardi e Aiello invita al dialogo




Dibattito apertissimo sul piano paesaggistico. A dare il la a tutta una serie di reazioni, la seduta aperta del Consiglio comunale, a Ragusa, di giovedì pomeriggio. Tanti, anche ieri, gli interventi sullo spinoso argomento. "C'è pochissimo altro da aggiungere - dice il vicesindaco di Ragusa, Giovanni Cosentini - è un piano paesaggistico che risponde a precise logiche. E non certo quelle dello sviluppo del nostro territorio. Non lo diciamo noi. Parlano i fatti. Già nel livello 3, la zona rossa, sono ben sessantasette le aziende agricole, solo sul territorio comunale di Ragusa, che non potranno effettuare alcun tipo di intervento strutturale per migliorare il proprio rendimento operativo. Non va certo meglio per il livello 2, la zona verde, nonostante gli annunci riguardanti la possibilità di edificare. Dai nostri calcoli risultano 597 le aziende che non potranno effettuare alcun tipo di intervento sulle proprie strutture, sebbene ricadenti nella suddetta fascia. Risulta bloccata anche ogni ipotesi di recupero dell'area serricola nonostante il ruolo anti-cementificazione che, in questi decenni, la fascia trasformata della nostra area ha avuto lungo la costa. Viene detto che si vuole salvaguardare questo territorio, esaltandone le virtù paesaggistiche, mettendo in rilievo, tra queste, la bellezza dei tratti punteggiati dai muretti a secco". E proprio sui muretti a secco, il vicesindaco spiega: "Qualcuno ha dimenticato, però, che questo territorio è diventato così in forza dell'antropizzazione. La presenza dell'uomo, che si è occupato di liberare la terra dalle pietre, ha creato quegli elementi oggi da tutti notevolmente apprezzati e che rispondono a svariate funzioni: il drenaggio dell'acqua, la delimitazione delle proprietà, l'avvicendamento dei pascoli. Tutto ciò è stato dimenticato". Il vicesindaco, poi, si pone un pesante interrogativo. "Ma chi ha interesse - si chiede unendosi alle perplessità già espresse dal sindaco Dipasquale - a che accada tutto questo? Chi ha interesse a trasformare una corsa libera in una corsa ad ostacoli in un momento in cui l'area iblea avrebbe potuto fungere da calamita per tutta una serie di dinamiche di sviluppo e di crescita?". Altro intervento quello di Giovanni Avola, segretario generale della Cgil. "La Cgil - sostiene - non è pregiudizialmente contraria a questo piano paesistico peraltro dibattuto al nostro interno nel corso di un apposita riunione il 20 settembre scorso. E' evidente che stiamo lavorando, abbiamo costituito un tavolo tecnico che sta elaborando le proposte, unitamente ad altri partner, enti pubblici e privati, per migliorarlo ed adeguarlo alle esigenze del territorio che ha una forte vocazione agricola ed imprenditoriale. Attendiamo per la fine della prossima settimana la data dell'incontro con il presidente della Regione Lombardo e con il nuovo assessore Sebastiano Messineo, ai quali avremo modo di spiegare le nostre ragioni, le nostre esigenze consapevoli che riusciremo a individuare un punto di intesa condiviso". Il consigliere comunale di Azione democratica a Vittoria, Francesco Aiello, sostiene di aver "rivolto un appello al governatore Raffale Lombardo affinchè si faccia garante della ricerca del dialogo istituzionale tra la Regione e la Provincia di Ragusa, in direzione di un recupero di scelte concordate, a modifica e integrazione del Piano approvato. Non si possono cancellare le prerogative degli enti locali e dei cittadini e affermare logiche punitive e di imposizione solo perché, ed è vero, alcuni Comuni, come il Comune di Vittoria, hanno irresponsabilmente ignorato le richieste della Sovrintendenza che invitava alla concertazione. In modo particolare si pongono, nel merito del territorio vittoriese alcune questioni. L'approccio alla problematica agraria non può essere quello della censura".
Giorgio Liuzzo


10/10/2010



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news