LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per gli aspiranti restauratori corsa al titolo piena di incognite
Antonello Cherchi
Il Sole 24ore 11/10/2010

Non c'è pace per i restauratori. O almeno per quelli che aspirano a diventarlo. Passato, presente e futuro incombono su chi si candida a riportare a nuova luce il patrimonio storico-artistico del nostro paese. La ricerca forsennata dei titoli per potersi iscrivere nel futuro elenco rovina i sogni di quanti già da anni si dedicano alla professione e non vogliono perdere il treno della regolarizzazione. L'inquietudine attanaglia, invece, chi pensava di avere davanti a sé un percorso di studi già ben definito e ha, invece, scoperto che ciò che sta facendo può non servire a nulla. Due situazioni differenti accomunate dalla stessa confusa dinamica. Tant'è che su entrambi i versanti si assiste a un continuo tira e molla. Si prenda il caso di chi restauratore già lo è e lo è diventato soprattutto sul campo. La presentazione delle da mande per la selezione che darà il via al primo elenco di categoria si doveva chiudere entro dicembre dello scorso anno. E invece siamo alla terza proroga: la prima ad aprile, la seconda il 30 settembre e ora l'appuntamento è fissato per fine novembre. Di pari passo, slitta anche la data per inoltrare gli attestati che dimostrano dove e per quanto tempo si è svolta l'attività di restauratore: la scadenza è stata spostata dal 30 novembre al 31 gennaio. Questa volta è stato il Parlamento a chiedere più tempo: le risoluzioni in tal senso votate a fine settembre dalle commissioni Cultura di Camera e Senato sono state subito recepite dai Beni culturali. Nei mesi passati era stata la sollevazione dei candidati restauratori a indurre il ministero a concedere la proroga e, soprattutto, ad allargare fino al 31 luglio 2009 - in precedenza lo stop era stato posto al 16 dicembre 2001, data di entrata in vigore della riforma del settore - il periodo in cui si poteva dimostrare di aver lavorato alla salvaguardia del patrimonio culturale. Nonostante quell'apertura di via del Collegio romano, la situazione continua a non essere chiara. Come dimostra l'ultima proroga. È pur vero che si tratta del primo faticoso tentativo di mettere ordine nel restauro, che fino al Duemila riconosceva un sicuro titolo a chi usciva dalle scuole dei Beni culturali (i diplomati dell'istituto centrale per il restauro di Roma, ora istituto per la conservazione e il restauro, e quelli dell'opificio delle pietre dure di Firenze). Gli unici che dormono sonni tranquilli: il loro inserimento nell'elenco di prossima istituzione è scontato. Per tutti gli altri, invece, che restauratori lo sono diventati frequentando altre scuole di restauro (statali o regionali) e soprattutto lavorando, la. fase di transizione dal vecchio al nuovo è decisamente meno agevole. Proprio perla difficoltà, in alcuni casi, di mettere insieme i titoli che il concorso richiede. Ma non è solo la regolarizzazione del passato che crea problemi. Anche per chi aveva confidato in una formazione senza sorprese, le sorprese sono invece arrivate. La questione riguarda quanti si sono iscritti ai corsi triennali delle accademie di belle arti per conseguire il titolo di collaboratore restauratore. A inizio agosto il ministero dell'Istruzione ha fatto sapere loro che quei corsi non hanno praticamente più valore. Tutto perché si prepara a diventare operativo (probabilmente dai prossimo anno) un altro tassello della riforma: quello che affida la qualifica di restauratore a corsi quinquennali organizzati dalle università o dalle scuole di formazione, come le accademie di belle arti, previamente accreditate (fermo restando il titolo rilasciato dagli istituti dei Beni culturali) e riserva invece alle regioni il compito di formare i collaboratori restauratori. Dunque, gli attuali studi di collaboratore restauratore non vanno più bene. Sulle prime l'Istruzione era stata drastica: una circolare dei primi di agosto aveva tolto quasi ogni speranza agli studenti, dicendo loro che non era affatto sicuro che i crediti acquisiti nei corsi triennali si potessero spendere nei futuri corsi quinquennali di restauratore. Il 23 settembre è, però, arrivata una parziale retromarcia: le legittime aspettative degli studenti vanno salvaguardate e, pertanto, si sta lavorando per far valere i crediti nell'iscrizione ai corsi quinquennali. Niente di certo, al momento. Ma la promessa è già un passo avanti.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news