LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - federalismo demaniale. L'area archeologica è della Regione
isabella di bartolo
LA SICILIA Lunedì 11 Ottobre 2010 Prima Siracusa, pagina 41

Ufficializzato il passaggio dallo Stato, più fondi alla Soprintendenza per gestire i siti




il teatro greco
L'area archeologica di Siracusa passa dalle mani dello Stato a quelle della Regione.

Un passaggio previsto nell'ambito della riforma federalista che è stato ufficializzato a Palermo, nella sede della presidenza della Regione, dove si è riunita la Commissione paritetica Stato-Regione.

Un incontro presieduto dai professori Lo Verde, in rappresentanza della Regione, e Pitruzzello per lo Stato, che hanno trattato il tema del trasferimento di beni immobili dallo Stato alla Regione approvando un primo elenco di opere di natura storico-artistica tra cui, per l'appunto, l'area archeologica di Siracusa. Il Teatro greco, dunque, e i tesori della Neapolis. Ma anche i vari siti che fanno parte dell'area archeologica della città e che saranno gestiti direttamente dalla Soprintendenza e non più, come accaduto sino a questo momento, dal ministero ai Beni culturali e poi dalla Regione. L'elenco verrà inviato al consiglio dei Ministri per la definita deliberazione e quindi la messa in atto.

Ma come si traduce questa nuova gestione in termini pratici?

La differenza rispetto al passato non è poi molta, come spiegano dagli uffici palermitani dell'assessorato regionale ai Beni culturali.
La Sicilia, infatti, in virtù dello statuto speciale ha sempre avuto una profonda autonomia in termini di gestione dei propri beni storico-culturali e paesaggistico-ambientali.

Ma il fatto che i beni archeologici siano adesso di «proprietà» della Regione, modifica il concetto stesso della loro gestione.

L'ente regionale, infatti, e di conseguenza la Soprintendenza aretusea avrà maggiori responsabilità. Il nuovo assetto comporterà alcuni oneri amministrativi ed economici che dovranno essere assunti dalla Soprintendenza, oggi retta da Concetta Ciurcina, oltre che dalla responsabile dell'area archeologica aretusea, che è Amalia Mastelloni, il tutto nell'ottica della riorganizzazione del settore disegnata dall'ex assessore Armao.
Inoltre, essendo il territorio siracusano tra le province con il maggior numero di siti archeologici, ciò implica la necessità di un'attenzione particolare da parte della Regione nei confronti di Siracusa. Che si traduce anche in maggiori stanziamenti di fondi.

Oltre ai beni della città, sono in lista, per il transito dallo Stato alla Regione come previsto dal federalismo demaniale, anche altri siti di capitale importanza quali Thapsos, il castello Svevo di Augusta, gli ipogei e le caserme oggi esclusi dal primo elenco di siti che dal demanio statale passeranno a quello dell'Isola.



11/10/2010



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news