LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'endorsement di Luca Barbareschi al ministro Sandro Bondi, con richiesta di stati generali
Luca Barbareschi
Il Foglio 12/10/2010

Al direttore - L'appello quasi disperato del ministro Sandro Bondi non deve rimanere inascoltato, coinvolge tutti noi in una responsabilità collettiva per la salvaguardia e promozione del nostro patrimonio culturale. Il resoconto del Consiglio dei ministri di giovedì scorso è allucinante per chi ha a cuore la vera ricchezza del paese, la nostra storia e la nostra cultura, con tutte le espressioni dell'arte, dal teatro all'archeologia, dall'arte figurativa alla lirica, passando per il paesaggio, bene immateriale e unico del nostro patrimonio. Come si fa a trovare i soldi per pagare le multe per le quote latte, dunque per assecondare una malversazione conclamata, e non per la salvezza del Teatro Carlo Felice, o per la riorganizzazione di Pompei e la salvezza della Biblioteca Nazionale di Firenze? E' vero che tagli e risparmi si effettuano in tutta Europa, ma certamente non in questi settori, così come gli altri paesi investono in formazione e ricerca, oltre che nella promozione del proprio patrimonio. Il nostro riferimento dovrebbe essere la Francia oppure la Spagna, paesi dove la cultura ha un ruolo determinante nello sviluppo del turismo e nella promozione del rilancio dopo la crisi. Negli ultimi anni appaiono sempre più chiari e netti i nessi stretti che legano cultura ed economia nelle società industriali avanzate. Il patrimonio culturale è un volano per l'economia e una missione per il paese, non un ostacolo per il profitto; troppo spesso in passato si è ritenuto che cultura e creatività fossero all'ultimo posto per quanto riguarda il loro apporto a livello di crescita economica e di occupazione. Insomma, costi molti e ricavi pochi. La verità è che questa concezione è grossolanamente inesatta, come rilevato da importanti studi europei quale ad esempio "The Economy of Culture". Il comparto dello spettacolo da questo punto di vista è esemplificativo, Infatti anche solo da un punto di vista occupazionale, il comparto cultura e creatività batte alla grande per tasso di crescita il resto dell'economia europea. A ciò si aggiunge il fattore di coesione che la cultura offre, promuovendo l'integrazione sovranazionale. Ed ecco quindi che quella che si supponeva essere la Cenerentola di lusso dell'economia - la Cultura - diventa una principessa, presentando un autoritratto economico di ragguardevole interesse. L'idea del coinvolgimento di nuovi attori nella gestione del patrimonio è senza dubbio interessante, ma di per sé non è sufficiente. Vincenzo Manes sul Corriere della Sera ha disegnato un interessante scenario di governance per il coinvolgimento di nuove risorse economiche e per il rapporto pubblico/privato nella gestione dei Beni culturali, ma senza una precisa volontà politica di indirizzo e senza conseguenti nomine ai posti di responsabilità - nei teatri, nelle soprintendenze, nei ruoli chiave del ministero - di profili alti e di competenze provate e certificate, non si arriva da nessuna parte. Dobbiamo renderci conto che il nostro patrimonio culturale si articola in attività non industriali e attività industriali, dove fra le prime si includono tutti i contributi artistici puri - pittura, scultura, musica, teatro, musei e patrimoni artistici, per citarne solo alcuni - e fra le seconde i prodotti culturali per la riproduzione di massa: film, televisione, libri e musica, web-tv, prodotti multimediali. Senza inoltre dimenticare il settore creativo del nostro patrimonio, che è invece quello che offre input e ispirazione per la produzione di prodotti culturali non nel senso tradizionale del termine, quali la moda, il design, l'architettura. La nostra sfida deve essere quella di far diventare il nostro patrimonio, lo spettacolo e la cultura, temi prioritari nell'agenda del nostro paese. L'idea potrebbe essere quella di indire gli stati generali dei Beni culturali, una proposta trasversale e bipartisan che possa arrivare a disegnare un futuro per il nostro patrimonio, minacciato da una situazione che non è mai stata tanto allarmante.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news