LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sgarbi: «Farò esplodere la Biennale e torno a fare il sovrintendente»
Sara D’Ascenzo
13 ottobre 2010, CORRIERE VENETO




Il critico spiega l’esposizione diffusa del 2011. Il braccio destro di Bondi: «Porto Toscani a Forte Marghera. Saviano, Cacciari, Eco: le opere scelte dagli intellettuali»


ROMA - Alla povera Bice Curiger, curatrice ufficiale della Biennale d’Arte 2011, bisognerà dirlo con le dovute cautele, comunicandole le cose a piccole dosi. Dovesse mai ritrovarsi da sola in una stanza con Vittorio Sgarbi, probabilmente verrebbe travolta dal Padiglione Italia che il critico d’arte sta allestendo e collezionando in maniera esponenziale, moltiplicando ogni giorno e ogni singolo minuto gli artisti, le partecipazioni nazionali, gli intellettuali curatori. Saltata all’ultimo momento la conferenza stampa romana organizzata al ministero dei Beni Culturali per presentare il Padiglione firmato Sgarbi, il critico non ha rinunciato a parlare di sé e di quella che a tutti gli effetti si annuncia come una propria opera. Ma prima di tutto ha voluto sgomberare il campo dagli equivoci: sarà di nuovo lui il sovrintendente del polo museale veneziano. Con un nuovo bando? Più probabilmente con una chiamata diretta: «La Corte dei Conti ha puntualizzato anche martedì che ho i titoli, ma bisogna rifare la nomina. Probabilmente con una chiamata diretta. Io speravo di ritornare in servizio già venerdì,ma mi sono dato come scadenza il 20 novembre. Per la procedura facciano come vogliono, io aspetto, ma è chiaro che non ci può essere Padiglione Italia 2011 senza i musei veneziani».

Perché? Perché Sgarbi a ogni museo del polo ha già dato il volto di un artista: alle nuove Gallerie dell’Accademia, che riapriranno a giugno (Sgarbi assicura) con una mostra curata da lui, al secondo piano di Palazzo Grimani con un’esposizione di artisti contemporanei e un’esposizione della collezione Tyssen. «E poi - spiega ancora Sgarbi - l’idea è di creare un ulteriore rapporto tra il museo di palazzo Grimani e Giorgio Vasari, che a Venezia influenzò Tintoretto, Veronese, Tiziano. E anche il soffitto della Salute, che scopriremo restaurato dopo l’incendio in quell’occasione, è debitore del Vasari». Poi ci sarà Franchetti alla Ca’ D’Oro: «Dal Giorgio Franchetti che donò le sue opere alla Ca D’Oro al Franchetti che colleziona i vari Cy Twombly. Poi altri artisti che farò venire a "chiamata" mia a palazzo Marcello vicino al Casinò dove faremo il museo della mafia, uguale identico a quello che mi ha allestito Cesare Inzerillo a Salemi e il museo della follia, di Serafini: la mia "vendetta" nei confronti della Biennale: lo invitai a palazzo Grassi negli anni ’80 e la Biennale non l’ha più chiamato ».

E poi la cosa che farà felice molti in questo complicato mosaico della Biennale diffusa: una sezione tutta speciale a Forte Marghera: «Un posto più bello dell’Arsenale - si sbilancia Sgarbi - dove porteremo tutto il lavoro sul paesaggio violato che hanno fatto Oliviero Toscani e Salvatore Settis: pale eoliche, fotovoltaico, San Giobbe, l’imbarcadero dei Giardini, un campionario degli orrori mandato dai cittadini comuni». Insomma, un campionario che adesso è così, ma già mentre ne parla Sgarbi allenta, espande. Perché il corpo vero e proprio del padiglione Italia avrà tre cuori pulsanti: uno nello spazio all’Arsenale, che l’anno prossimo sarà ancora più grande e ospiterà 150 artisti selezionati da 150 tra scrittori e intellettuali, un cuore diffuso nelle venti regioni, dove verranno scelti gli artisti più rappresentativi da esporre nelle sedi più adatte delle diverse regioni (per il Veneto, oltre Venezia e Forte Marghera anche la Gran Guardia a Verona) e infine 98 artisti selezionati dagli istituti italiani di cultura (con supervisione finale di Sgarbi) in tutto il mondo.

Una Biennale mondialista e localista insieme, dove Sgarbi «rinuncia» al padiglione Italia con tutti i rischi del caso: «Gli artisti lì saranno scelti dagli intellettuali: Massimo Cacciari, Alberto Arbasino, Tahar Ben Jelloun, Bernard-Henri Levy, Umberto Eco, Furio Colombo, Guido Ceronetti, Aldo Busi, Roberto Capucci, Emanuele Severino, Roberto Calasso, Roberto Saviano, Giorgio Pressburger, Giorgio Reale, Raffaele La Capria, Paolo Mieli: persone dall’intelligenza manifesta alle quali sia manifesta l’arte, non come Francesco Bonami e Achille Bonito Oliva e la loro arte "curatoriale" che sa di ospedale». Un’idea, quella di ristabilire il rapporto tra Biennale e intellettuali, che è piaciuta molto al ministro Sandro Bondi, che pensa anche a un convegno da organizzare a Palazzo Ducale. E dato l’ascendente di Sgarbi, martedì il critico, oltre al suo progetto, ha caldeggiato al ministro anche il nome del veneziano Toto Bergamo Rossi per la direzione di Palazzo Te a Mantova.



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news