LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - «Si è lasciato campo libero alla speculazione» Il professor Pazzagli: previsioni sbagliate che non rispondevano a bisogni veri
MERCOLEDÌ, 13 OTTOBRE 2010 IL TIRRENO - - Toscana


«L’edilizia privilegia la rendita, non gli interessi collettivi»

A.V.
CHIOMA. «Mi sembra una vicenda davvero paradossale». Rossano Pazzagli (nella foto), docente all’Università del Molise ed ex sindaco di Suvereto, studioso di storia del territorio, commenta con un certo imbarazzo la vicenda di Chioma. «Mi pare il classico esempio italiano: quando si tratta di edilizia, nessuno è mai in condizione di rivedere le previsioni dei piani». Le concessioni sono inesorabili come il tempo: partono e non le ferma più nessuno, si trasformano in diritti acquisiti benché privilegino gli interessi individuali rispetto a quelli collettivi. Previsioni sbagliate, fatte in epoche di espansione demografica ed economica, che oggi si scontrano con la rinnovata sensibilità ambientale e paesaggistica, incorreggibili nei loro effetti, che di fatto hanno prodotto alla Toscana qualcosa come due milioni di case rispetto a un milione e mezzo di famiglie residenti.
«Non c’è un bisogno residenziale - aggiunge Pazzagli - ma solo una pressione speculativa. Sulla costa, in particolare, non si è riusciti a gestire la crisi della grande industria e si è lasciato campo libero al mattone». Ogni metro cubo di cemento rappresenta una trasformazione irreversibile, che cambia i connotati di un territorio molto diverso un secolo fa: «Prendiamo Follonica - argomenta Pazzagli -. Lungo la spiaggia c’erano le baracche di legno, che ogni tanto il mare si portava via. Ci hanno costruito le villette, che restano lì, per sempre. Se esaminiamo la domanda turistica, vediamo che le zone costruite sono quelle meno appetibili. Prendiamo Baratti e San Vincenzo, ad esempio: non c’è paragone». E allora, se l’edilizia non soddisfa la domanda demografica, se non porta a valorizzare il turismo, a chi serve? «Ai costruttori - risponde senza esitazione il docente -. L’edilizia privilegia la rendita, non gli interessi collettivi».
I partiti, attraverso cui si amministrano i Comuni, hanno perso rappresentatività «e si sono aperti alle lobby - osserva -. Il senso di pianificazione pubblica del territorio è scaduto, la percezione degli interessi collettivi si è attenuata. Viceversa hanno preso quota quelli degli oligarchi».
E allora? Allora basta non ripetere più gli sbagli del passato: «Gli effetti delle scelte si vedono dopo 10-15 anni. Allargare il confronto in fase di discussione dei piani servirebbe a evitare gli errori. La strada da percorrere è fatta di confronto e partecipazione».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news