LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Per la cultura si può spendere, il ministro tedesco lo dirà a Bondi
Il Foglio 14/10/2010

Per il 2011 confermati 1,5 miliardi federali. Più 11 miliardi dai Länder La storia frammentata diventa risorsa

Milano. Chissà se oggi, durante l'incontro con il suo omologo Sandro Bondi a Roma, il responsabile per la cultura e i media (Bkm), Bernd Neumann, ripeterà la frase pronunciata un mese fa al Bundestag. In quell'occasione Neumann disse: "La bozza di bilancio 2011 riafferma una volta ancora che le spese per la cultura non sono sovvenzioni, ma investimenti per il futuro della nostra società". Tant'è che nonostante i tagli imposti dal ministro delle Finanze, Wolfgang Schauble, la cultura è stata risparmiata. Anche per il 2011 avrà 1,5 miliardi di euro. Una cifra considerevole, pur costituendo solo il 12 per cento della spesa totale del paese per la cultura. Il restante 88 per cento, 11 miliardi, come vuole la costituzione federale, è di competenza di Länder e comuni. "Sono loro i veri pilastri della promozione culturale in Germania", spiega al Foglio Georg Knopp, direttore generale dei Goethe Institute. "Un paese che diversamente dalla Francia, centralizzata su Parigi, ha teatri lirici e orchestre ovunque. Un'eredità importante che dobbiamo ai principati di un tempo. L'ex teatro di corte del Principato di Sachsen Meiningen in Turingia ne è un esempio perfetto". Per quanto colpite dalla crisi, Neumann esortava regioni e città a non falciare proprio questo settore: "Perché, a conti fatti, non saranno i nostri tagli a risanare i conti. La spesa di Lander e comuni per la cultura è pari all'1,9 per cento dei loro bilanci, mentre il contributo del governo federale è dell'1 per cento sul totale della spesa pubblica". E poi non va dimenticato che il paese deve molto della sua immagine nel mondo ai suoi centocinquanta teatri, alle centoventi grandi orchestre, alle migliaia di musei, gallerie, luoghi espositivi. Tant'è che dalla sua nomina, nel 2005, Neumann è riuscito a farsi aumentare il budget del 7,8 per cento. Fondi con i quali finanzia strutture, eventi, istituzioni di importanza nazionale: la fondazione Preußischer Kulturbesitz (l'amministrazione del patrimonio artistico e culturale prussiano), la biblioteca nazionale, i grandi musei quali il Pergamon, il Bode, la Gemäldegalerie di Berlino, la Alte Pinakothek di Monaco, il Festival di Bayreuth e quello del cinema di Berlino. A questi si aggiungono istituzioni o eventi che vengono cofinanziati da Bund e regione o più regioni: per esempio il nuovo Museo della letteratura moderna a Marbach e il Fondo per la letteratura. "Il governo ha lanciato un segnale molto importante perché a tenere insieme una società è la cultura e in tempi di crisi c'è ancora più richiesta" ribadisce Knopp. Dal sito del governo federale si può scaricare il consuntivo spese 2010 del Bkm (pari a 1,150 miliardi di euro). Alcune voci che saltano all'occhio: per esempio, dopo i 272,8 milioni per le fondazioni, una delle voci più importanti è il cinema: 91,2 milioni, ai quali si aggiungono 4 milioni di euro per la digitalizzazione delle sale cinematografiche di provincia, evitandone così la chiusura. Altra voce significativa è "consapevolezza storica": a enti e musei che si occupano della storia più recente sono andati 52 milioni.
Fondi per far studiare gli artisti in Italia
Qualcosa della spesa culturale tedesca arriva peraltro anche in Italia. Dei 3,5 milioni di euro del sostegno agli artisti (soggiorni studio all'estero) ben 2,4 milioni sono andati quest'anno a Villa Massimo a Roma, 335 mila euro a Villa Tarabya a Istanbul, mentre il restante al Centro studi di Venezia e a Villa Romana a Firenze. Se Neumann ha vinto a livello federale, a livello regionale e comunale non tutti posso- no invece cantare vittoria. Ad Amburgo, per esempio, per far quadrare i conti è stato imposto un taglio del 2 per cento anche alla cultura. Anche gli sponsor privati in Germania si mostrano generosi. "La Deutsche Bank, devolve qualcosa come 90 milioni di euro per eventi culturali" dice Knopp. "Anche Bosch, Siemens, Fondazione Mercator, Bmw per citarne solo alcuni, sono molto attivi e lo sono soprattutto nel finanziare i giovani artisti piuttosto che grandi eventi". Diversamente che nelle questioni politiche ed economiche, i rapporti tra Bund e Länder, nel settore culturale, raramente conoscono scontri. "Il sistema federale favorisce indubbiamente una maggiore e specifica conoscenza del patrimonio culturale" conclude Knopp. "A volte però più centralizzazione non guasterebbe per ottimizzare le risorse". Lo scriveva anche la Taz qualche mese fa, quando si chiedeva se i complessivi 300 milioni che da Bund e Länder confluiscono annualmente nel fondo per il cinema, arrivino poi veramente a giusta destinazione. Chi spera in un contributo, può rivolgersi, infatti, a tre interlocutori federali e venti regionali.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news