LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venere di Morgantina. Sosta a Palermo? Aidone si oppone
Saverio Leoni
Gazzetta del Sud 15/10/2010

Si temono rischi sull'integrità della statua in procinto di rientrare a casa dagli Usa
È contesa sulla Venere di Morgantina

PALERMO. C'è chi la vuole subito e chi dice che sia pericoloso ogni spostamento. La Venere di Morgantina, in procinto di tornare a casa dopo aver passato 22 anni al Paul Getty Museum di Malibu, in California, è contesa tra Palermo ed Enna, dopo essere stata per anni al centro di una querelle tra l'Italia e gli Stati Uniti. Prima di tornare ad Aidone, nel sito di Morgantina, la statua dovrebbe infatti soggiornare a palazzo dei Normanni per un'esposizione temporanea. Un altro viaggio, a cui si oppongono però esperti e il sindaco di Aidone, perla preziosa statua che venne trafugata da Morgantina nella seconda metà del Novecento e venduta al Paul Getty Museum che l'acquistò nel 1988 in un'asta a Londra per 28 miliardi di lire. Chi finora l'ha potuta ammirare e conservare consiglia di non spostarla, ma il suo ritorno in Italia è ormai certo. «E' molto pericoloso smontare e rimontare la Venere, è una statua fragilissima, ogni spostamento è un trauma per la struttura. Meglio limitare al minimo ogni intervento», ha detto Jerry Podany, conservatore capo per le antichità del J. Paul Getty Museum di Los Angeles, intervenendo al convegno internazionale sulla protezione dei beni culturali dal danno sismico organizzato dal Centro regionale di restauro a Palermo. «La parte più fragile della Venere - ha spiegato - è il busto, in tufo calcareo morbido, mani e viso sono invece in marmo. Verrà smontata in tre pezzi più mani e piedi, per poter viaggiare in nave, a carico del Getty Museum, ed essere riconsegnata allo Stato Italiano. A quel punto la responsabilità non sarà più nostra ma, da conservatore, vorrei avvenire del pericolo». La statua dovrebbe poi essere esposta a Palermo come stabiliscono due decreti della Regione, firmati dall'ex assessore ai Beni culturali Gaetano Armao. Ma andrebbe rimontata per poterla mostrare al pubblico, cosa questa che desta le preoccupazioni di conservatori e tecnici, oltre alle proteste dell'assessore provinciale di Enna ai Beni Culturali, Maurizio Campo, che parla di «espropriazione culturale». Il problema però è il trasporto. «Arriveremo in quattro, io e i miei tecnici - ha proseguito Podany - cercheremo di aiutare il più possibile lo spostamento della statua che tra l'altro, forniremo di un piedistallo antisismico, come prevede l'accordo con la Regione». Ma ad Aidone la popolazione è scesa in piazza per manifestare contro la decisione di far sostare la statua a Palermo. Anche il dirigente generale dei Beni culturali, Gesualdo Campo, ha sottolineato come «la statua debba ritornare alla terra da cui è stata trafugata. La scelta di sistemarla ad Aidone è fortemente identitaria». Peccato che ancora non sia stato deciso dove sistemarla: l'ipotesi più accreditata è quella della chiesa di San Vincenzo Ferreri (ex san Domenico) dove però i lavori di restauro, non ancora iniziati, dureranno almeno fino alla fine di aprile. Nel frattempo, dove conservare la statua che dovrebbe giungere a metà marzo? «Nel museo archeologico» dice Enrico Caruso, a capo del parco archeologico di Morgantina.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news