LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Queste coste non ci saranno più
Giuseppe Salvaggiulo
La Stampa 15/10/2010

La denuncia nel libro nero di Italia Nostra
I casi più gravi in Sardegna e Liguria

TORINO. I paesaggi sono sensibili, chi li abita no. E' la conclusione della campagna di Italia Nostra per monitorare le coste minacciate da quattro patologie: «infrastrutture invasive, costruzioni sui litorali, erosione delle spiagge, abusivismo». Le regioni in cima al «libro nero» sono Sardegna, Liguria e Campania. In tre mesi di lavoro, i volontari di Italia Nostra hanno raccolto sul campo migliaia di casi, selezionando infine un'amara classifica delle dieci coste sulle quali incombono le minacce più gravi. A partire dal golfo di Teulada, Sud Ovest della Sardegna, dove sta sorgendo un mega-albergo di 700 ettari, sfuggito alla valutazione di impatto ambientale, in una zona già definita «ad alta vulnerabilità» nel piano paesaggistico. Secondo posto tra le «palme nere» per la costa ligure intorno a Savona. Motivazione: «Cinque megaprogetti di cemento comprometteranno l'intero fronte del mare». Nell'ordine: il porto della Margonara («15 mila metri quadri di costruzioni in un tratto con scogli e flora marina di grande valore»), un capannone sulla darsena fluviale, il palasport e il centro congressi intorno alla rocca del Priamar, diversi edifici residenziali al posto dei cantieri navali sulla spiaggia di ponente, una piattaforma per container nella rada di Vado. Non mancano gli evergreen: l'abusivismo sulla costiera amalfitana, l'aggressione delle pinete a Castiglione della Pescaia, le grandi opere sulla Maremma tosco-laziale (anche qui, ormai è una moda nazionale, spuntano porti turistici a distanza di pochi chilometri), il degrado delle coste adriatiche, da Lignano Sabbiadoro a Brindisi. Salutati i turisti, le coste italiane vengono dimenticate. Per questo Italia Nostra ha deciso di organizzare una settimana di eventi (dal 19 al 24 ottobre) in cinquanta località marine, perché finita l'estate non cali il silenzio sulle emergenze dei «paesaggi sensibili». Spiega Alessandra Mottola Molfino, presidente di Italia Nostra: «Oltre alla distruzione della bellezza naturale, si compromettono l'ecosistema e la salute dei cittadini. Siamo stufi di essere dipinti come quelli che si battono solo per questioni estetiche». Per salvaguardare le coste, Italia Nostra propone di istituire un'autorità indipendente sul modello del Conservatoire du littoral francese, ente statale dotato di 50 milioni di euro l'anno per acquisire pezzi di coste e «metterli in sicurezza». Oggi la Conservatoria dispone di 135 mila ettari di coste (superficie grande quanto la provincia di Novara) che affida in gestione a enti locali e privati, con norme molto severe. Il sistema dà lavoro a mille addetti e raggiunge decine di milioni di visitatori ogni anno. Secondo la presidente di Italia Nostra, «anche in Italia servirebbe un'autorità indipendente, al riparo dagli appetiti della politica e dagli interessi dei privati».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news