LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA. Previsti anche un hotel e una multisala. Multinazionale del cinema contatta la Lucchese
NICOLA NUCCI
SABATO, 16 OTTOBRE 2010 IL TIRRENO - Lucca


Il presidente Giuliani annuncia che tra pochi mesi presenterà alla città il progetto definitivo dell’opera


Il presidente della Lucchese Giuliano Giuliani è moderatamente soddisfatto dopo che il consiglio comunale a maggioranza e dopo una lunga discussione, finita alle 2 di notte, ha dato il primo via libera alla variante urbanistica per il rifacimento dello stadio Porta Elisa. «È un primo passo importante per continuare l’iter sul nuovo stadio».
Aggiunge il patron rossonero e titolare del gruppo immobiliare Cipriano Costruzioni: «Adesso ci sarà da aspettare 60 giorni per un secondo passaggio in consiglio comunale e nel frattempo lavoreremo sul progetto definitivo».
Un progetto definitivo atteso con grande interesse e curiosità.
Finora le forze politiche, i cittadini e i tifosi hanno visionato il master plan.
«Pensiamo di rendere noto il progetto alla fine dell’anno, al massimo all’inizio del 2011 - fa sapere il presidente della Lucchese -. Nodi da sciogliere? Adesso inizierà un processo partecipativo con la città. Attendiamo le osservazioni e inizieremo una concertazione con la Soprintendenza, il cui parere sarà naturalmente preso in considerazione».
Il presidente rossonero non era presente in aula (a Palazzo Santini c’era il socio di maggioranza Giovanni Valentini della Valore).
«Ho seguito il consiglio via telefono e internet - dice Giuliani -. Intanto abbiamo ottenuto una prima importante vittoria. E non era così scontato».
L’opposizione ha chiesto che si procedesse attraverso un piano attuativo che avrebbe consentito, a loro dire, più controllo e trasparenza. Alla fine l’opposizione non ha votato contro la variante per la valorizzazione e il recupero funzionale dello stadio Porta Elisa.
«È sicuramente un segnale positivo - commenta Giuliani -. Dico che i tecnici hanno scelto questa procedura e dunque credo sia la migliore. La strada del piano attuativo significava allungare i tempi. Quando vedremo i cantieri? Se non ci saranno brutte sorprese, ma non credo proprio, verso la fine della primavera del 2011».
Sul progetto definitivo l’imprenditore Giuliani non si sbilancia.
«Posso dire che a grandi linee le funzioni non saranno molto diverse dall’ipotesi preliminare. Ci sarà la sede del club e ci sarà il museo storico. E poi prevediamo un albergo (da 120 camere, ndr), un ristorante, negozi di media-piccola distribuzione, residenze speciali e un cinema multisala.
«Proprio in questi giorni - annuncia il presidente della Lucchese - ci sono stati contatti con una multinazionale della cinematografia che gestisce già diversi multiplex in Italia e che vedrebbe di buon occhio un cinema all’interno del nuovo complesso del Porta Elisa. Si sono fatti avanti anche Conad, Brico, Sony e Holiday Inn, grande catena alberghiera».
Dal consiglio comunale allo stadio al calcio giocato. «Domenica vorrei un’altra vittoria, contro il Pisa» dice Giuliani che incrocia e spera che la crisi (quattro sconfitte consecutive) sia ormai un ricordo.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news