LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Ritorna a casa lo Jupiter rubato
Paolo Brogi
Corriere della Sera – Roma 16/10/2010

Da Londra. Va all'Istituto di Norvegia

Il gallerista londinese ha avuto un dubbio. Troppo bello questo Jupiter appena vinto a un'asta. Che non sia però di provenienza furtiva? E il Giove acefalo di fattura romana imperiale si è rivelato, grazie ai carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale interpellati, per quel che era: una preziosa statua rubata. Da otto anni il Giove era inserito nel database dei carabinieri come opera archeologica da ritrovare. Brillante operazione del reparto comandato dal colonnello Raffaele Mancino, il gruppo archeologico guidato dal capitano Massimiliano Quagliarella, che riporta in patria da Londra una statua rubata nel 2002 a Roma nell'Istituto di Norvegia, al Gianicolo. Un furto rocambolesco quello denunciato il 31 maggio di quell'anno dalla dottoressa Berit Frigaard, amministratrice dell'istituto. Ignoti ladri erano penetrati nella biblioteca della prestigiosa accademia attraverso l'abitazione del custode. Dopo aver segato le sbarre alle finestre ed aver addormentato l'uomo, la gang si era infilata nell'austera biblioteca dell'istituto e aveva fatto man bassa di reperti archeologici. Il pezzo più importante sottratto era stato per l'appunto uno Zeus acefalo di squisita fattura imperiale, datato I secolo d.C. All'epoca però il reperto era stato poi censito e immortalato nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti del Comando Tutela Patrimonio Culturale. Successivamente il reperto è stato nel bollettino numero 24 delle opere d'arte trafugate «Arte in ostaggio», edito dal Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri. Nei giorni scorsi i militari, stabilita con certezza la provenienza furtiva del reperto, hanno contattato il gallerista inglese, al quale sono state rappresentate le evidenze investigative sulla trafila furtiva della statua. A questo punto il gallerista, pur di evitare altri guai, ha deciso di restituire il bene spontaneamente, senza che fosse necessario intraprendere un'azione rogatoriale internazionale. Il reperto, che ha un valore commerciale di circa 700 mila euro, è stato consegnato, negli uffici dell'ambasciata d'Italia a Londra, ai Carabinieri del Reparto Operativo Tpc. La statua, rimpatriata in Italia, è stata restituita oggi all'Istituto norvegese di archeologia e storia dell'arte, legittimo proprietario, alla presenza dell'ambasciatore di Norvegia in Italia, Einar Bull. E ora tornerà nella sala da cui era stata prelevata otto anni fa.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news