LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PAESAGGIO. Tagliolo Monferrato. «Dalle vigne il rilancio»
il secolo xix 17 ottobre 2010


a tagliolo monferrato le nuove strategie per il dolcetto Docg
Gli esperti: più cura del paesaggio per rendere il prodotto vincente
bruno mattana


«In un contesto di globalizzazione sempre più generalizzato, gli ampi spazi dei nostri territori monferrini costituiscono un valore aggiunto sotto il profilo ambientale, climatico, paesaggistico che sviluppa economia».
Nessun dubbio da parte dell'assessore provinciale alla Pianificazione Territoriale, Gianfranco Comaschi, nell'intervento di avvio alla conferenza programmatica "Il paeaggio crea il valore del vino", svoltasi ieri mattina nel salone di rappresentanza del millenario castello di Tagliolo, nell'ambito della manifestazione "Sapori d'Autunno". Dunque paesaggio che valorizza il vino e in simbiosi capaci di promuovere il turismo. «L'Unesco - ha sottolineato ancora Comaschi - dopo vari sopralluoghi ci sta ancora guardando per definirci un territorio degno di entrare a far parte, con formule e prerogative appropriate, del Patrimonio dell'Umanità».
Sergio Conti, esperto dell'Università di Torino, ha moderato gli interventi ma ha anche chiarito parecchi aspetti di quello che dovrebbe essere un nuovo percorso legato in particolare al Dolcetto di Ovada, ora "Ovada docg". «E' importante - ha insistito - creare le condizioni per cambiare convincimenti e teorie su quello che dovrebbe essere fatto. C'è stata negli ultimi anni una crescita del 30% legata al settore costruzioni (tutti i Comuni hanno voluto l'area industriale, magari il centro commerciale), il doppio di tutte le altre produzioni. Uno spaventoso travaso di produzioni che non va bene. Il vino corrisponde a un'emozione e il paesaggio dove nasce serve a promuoverlo, a rendere l'area fruibile. A dimostralo con suggerimenti e immagini è stato Diego Tomasi del Centro Ricerche in Agricoltura (Cra) di Conegliano Veneto. «Quanto sia influente il paesaggio viticolo anche sulla qualità e sul valore economico di un vino - ha spiegato - lo dimostrano le esperienze da noi fatte. Nel vino c'è un valore aggiunto: il paesaggio. Un vigneto coltivato a regola d'arte, ber curato, con un'immagine (esempio un'antica villa, filiere di alberi) può fare la differenza sul gradimento e sulla scelta di quel vino prodotto in quel luogo da parte del consumatore-turista».
Il progetto "Terroir", attuato a Conegliano Veneto ha messo in campo cinque scelte o indirizzi (zona di intervento, topografia mirata, clima, paesaggio, vino) ed ha avuto successo. Fare lo stesso nell'Alto Monferrato Ovadese? Si potrebbe. Il territorio viticolo ovadese che sta vivendo il fenomeno degli abbandoni in parte per scarsità di reddito, va aiutato a superare le difficoltà e a cambiare rotta. C'è un vino "Ovada docg" ancora in fasce. Bisogna aiutarlo a crescere utilizzando tutti i mezzi a disposizione. Maurizio Gily, agronomo-giornalista della rivista "Millevigne" non ha dubbi.
«Siamo in un territorio che sta perdendo la sua identità di biodiversità. Ci si deve preoccupare di difendere il paesaggio perchè fa economia. Se questo si farà, il nuovo Dolcetto docg potrà cogliere risultati nel prossimo futuro».
Dunque cosa fare bene e presto?
«Stabilito che il paesaggio - ha sottolineato l'assessore provinciale all'Agricoltura e Ambiente, Lino Rava - è un fattore competitivo, dobbiamo intervenire di conseguenza. Anche se sul territorio ovadese non ci sono situazioni molto compromesse. I Comuni dovranno essere protagonisti, sfruttando, nei loro piani regolatori il nuovo codice dei beni architettonici e paesaggistici. Possono individuare quelle aree di particolare pregio da inserire e proteggere per nuove gestioni del territorio e delle colture viticole».





news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news